Scarica Libri Gratuiti

Scarica libri ed ebooks (I migliori libri in formato PDF, EPUB, etc)

Cerca negli ebook:

Numero totale di libri trovati 40 per la tua ricerca. Scarica gli ebook e divertiti!
Sisifo felice

Sisifo felice

Autore: Beatrice Barbalato ,

Numero di pagine: 231

Il libro Sisifo felice. Vincenzo Cerami, drammaturgo è uno studio sul teatro, in gran parte inedito, di Cerami, ed è la prima ricerca teorica a vasto raggio sulla sua arte della 'mise en scène'. «Il faut imaginer Sisyphe heureux»: questa è l'immagine che Albert Camus postula per Sisifo, non più vano ripetitore di una inutile fatica, ma esempio di sagacia nello sfidare gli dei e nel reiterare l'atto del cominciamento. Il libro coglie di questo scrittore (Un borghese piccolo piccolo), sceneggiatore di molti films (La vita è bella di Roberto Benigni; Porte aperte di Gianni Amelio), drammaturgo, una caparbietà da 'Sisifo felice', che articola con sempre maggiore intensità espressioni polisemiche, registri diversi, 'à la lisière des genres'. Quest'analisi mette anche in luce in che modo la sua opera costituisca nel tempo un 'work in progress', un osservatorio dei mutamenti di costume e di forme cognitive. Facendo appello a criteri estetici, a temi filosofici che hanno accompagnato la storia del teatro, e alla pragmatica delle contaminazioni, il libro interpreta la drammaturgia di uno degli autori più versatili della nostra cultura contemporanea, impastata di echi, di...

L'incontro

L'incontro

Autore: Vincenzo Cerami ,

Numero di pagine: 238

Utilizzando la griglia della sua passione per l'enigmistica e facendola reagire con la materia bollente e mai risolta degli anni di piombo, Vincenzo Cerami ha costruito un romanzo allo stesso tempo leggero e grave.

Sul palco c'è l'autore

Sul palco c'è l'autore

Autore: Beatrice Barbalato ,

Numero di pagine: 280

"Sul palco c'è l’autore" rinvia alla figura del comédien oggi, che traghettando fra pagina scritta, teatro, video, film, considera come parte costitutiva del proprio lavoro le fasi della messa in scena.

Improvviso il Novecento. Pasolini professore

Improvviso il Novecento. Pasolini professore

Autore: Giordano Meacci ,

Numero di pagine: 140

«Mi alzo alle sette, vado a Ciampino (dove ho finalmente un posto di insegnante, a 20.000 lire al mese), lavoro come un cane (ho la mania della pedagogia), torno alle 15, mangio, e poi...» È il 1952, e Pier Paolo Pasolini può dedicarsi alla letteratura solo «poi», nel libero dall’insegnamento. Attorno agli anni ciampinesi di Pasolini e ai ricordi dei suoi alunni e dei suoi amici (Bertolucci, Cerami, Pivano) – quei primi anni Cinquanta in cui nasceva Ragazzi di vita – Meacci costruisce un libro che è al contempo saggio, reportage, diario di viaggio e racconto, e in cui trova posto un’intera teoria di figure del nostro Novecento (e non solo): Totò, Fellini, Hemingway, gli sfollati del dopoguerra, Mizoguchi, il Vangelo, Mantegna, le tradizioni contadine, Simone Martini, il comunismo, Anna Magnani, Goldrake e Happy Days, l’America,Roma, il terremoto del Friuli, la grande poesia, la «scomparsa delle lucciole».

La vita è bella

La vita è bella

Autore: Roberto Benigni , Vincenzo Cerami ,

Numero di pagine: 287

Benignis Tragikomödie von 1997, deren erster Teil die Liebesgeschichte zwischen Guido und der Lehrerin Dora zeigt, deren zweiter im Konzentrationslager spielt, das Guido seinem kleinen Sohn gegenüber als gigantischen Abenteuerspielplatz ausgibt, erhielt drei Oscars und wurde in Spanien, Frankreich und Deutschland jeweils als bester europäischer Film des Jahres ausgezeichnet. Er beruht zum Teil auf den Erfahrungen von Benignis Vater, der zwei Jahre im KZ Bergen-Belsen hatte zubringen müssen. In der Roten Reihe erscheint jetzt das Original-Drehbuch, mit den notwendigen Worterklärungen und Erläuterungen für deutschsprachige Leser.

La guerra negli occhi dei bambini

La guerra negli occhi dei bambini

Autore: Mario Morcellini , Tiziana Grassi ,

Numero di pagine: 342

Il libro ci racconta come i bambini vivono la tragedia della guerra, non soltanto dal punto di vista di coloro che la sperimentano personalmente ma soprattutto dai quei fanciulli che la vedono attraverso i media. Come reagiscono i bambini davanti a queste immagini di conflitti armati che coinvolgono dei coetanei, cosa pensano, che rapporto si instaura tra il bambino e la televisione? Un gruppo di ricercatori, giornalisti, psicologi, pedagogisti tenteranno di spiegarci questi e altre tematiche.

Gli occhi di Pandora

Gli occhi di Pandora

Autore: Milo Manara , Vincenzo Cerami ,

Numero di pagine: 64

Pandora è una tormentata, bellissima, giovane donna che sta cercando di lasciarsi alle spalle un’infanzia difficile e turbolenta. Quando il peggio sembra passato, viene inaspettatamente rapita e scoprirà che, del suo passato, non aveva mai conosciuto gli aspetti più torbidi e inquietanti. Come nel mito che le ha regalato il nome, nel momento in cui scoperchierà il suo vaso sarà difficile tornare indietro… Dopo una lunghissima attesa, ecco finalmente l’edizione definitiva del capolavoro di Vincenzo Cerami e Milo Manara.

Il cervello di Alberto Sordi

Il cervello di Alberto Sordi

Autore: Tatti Sanguineti ,

Numero di pagine: 588

Questo è un libro sul cinema come abitualmente non se ne leggono, per la semplice ragione che non ne vengono scritti. Parte da lunghe conversazioni fra Tatti Sanguineti e uno dei personaggi forse meno noti, ma più singolari e influenti del cinema italiano nel periodo d'oro: Rodolfo Sonego, sceneggiatore di tutti i film maggiori di Alberto Sordi, dal "Vedovo" a "Una vita difficile" allo "Scopone scientifico". Ricostruisce, attraverso la rievocazione di volta in volta malinconica, sorridente, abrasiva, feroce di Sonego, molte delle vicende accadute in quell'immane circo le cui attrazioni erano la Mangano, la Lollo o Laura Antonelli, i cui domatori potevano chiamarsi Carlo Ponti o Federico Fellini, e il cui impresario occulto, ben nascosto dietro le quinte, era il suo primo censore: Giulio Andreotti. Lascia intendere come, di qualsiasi viaggio in Italia, una lunga sosta nel cervello di Alberto Sordi continui a essere una tappa estremamente formativa. Ma soprattutto, una battuta dopo l'altra, ci racconta un cinema molto diverso, e molto più sontuoso, di quello che vediamo in sala: una colossale fantasmagoria di aneddoti, chiacchiere a notte fonda in stadi decrescenti di lucidità,...

Il cinema italiano contemporaneo

Il cinema italiano contemporaneo

Autore: Gian Piero Brunetta ,

Numero di pagine: 838

«La storia che mi accingo a raccontare abbraccia quasi metà dell’intera esistenza del cinema italiano, parte dal momento più alto del suo intero sviluppo e ne segue i fasti, le trasformazioni, l’avvicendarsi generazionale e le crisi che ne hanno reso difficile il cammino degli ultimi decenni.» La parola più ricorrente in tutti i tentativi di osservare il cinema italiano dalla fine degli anni Sessanta a oggi è «crisi». Quello che era stato il decennio più innovativo per qualità, quantità, forme di sperimentazione, innovazione ed espansione della cinematografia italiana nel mondo, a un tratto cambia pelle, segna il passo, si frantuma. Mutamenti strutturali modificano economia, mercato, modi di produzione, modelli narrativi, tematiche e poetiche autoriali. Ma non è la fine della corsa. Nel pieno della «crisi» si producono anche svolte positive: grandi nomi si impongono sulla scena internazionale, emerge una nuova ondata di comici, si compie il ricambio generazionale di attori e registi, continua l’esplorazione di scenari e mondi possibili. Gian Piero Brunetta racconta un cinquantennio di cinema italiano. Il lettore vi troverà non solo le trame, i personaggi, i...

Viaggio in Italia

Viaggio in Italia

Autore: Roberto Napoletano ,

Numero di pagine: 384

“Mentre percorrevo l’Italia, e scrivevo dopo ogni tappa quello che avevo appena visto, la situazione mi cambiava in parte alle spalle. Si risolvevano questioni lasciate in sospeso, e questioni diverse spuntavano al loro posto.” Così scriveva Guido Piovene nel 1957, in un grande reportage sull’Italia del dopoguerra. Oltre cinquant’anni dopo, Roberto Napoletano ha deciso di compiere un nuovo viaggio attraverso la Penisola, e in questa edizione aggiornata che raccoglie nuove storie e testimonianze da tutta Italia ci restituisce le molteplici realtà di un Paese che soffre ma non si arrende. La milanesità ferita da scandali vecchi e nuovi, certo, ma anche i segni civili e la speranza di una specialissima “primavera milanese”, fatta di cultura, design e creatività, la dignitosa tristezza di Torino che vuole ripartire, anzi è già ripartita, il sogno svanito di una Roma diversa, “l’isolamento geografico” della Calabria. Ma anche i ragazzi di Merate e di Saluzzo pronti a “sporcarsi le mani” con l’impegno civile, l’orgoglio di un’imprenditoria manifatturiera che continua a conquistare mercati nel mondo, i ragazzi di Ragusa che “salgono” a Milano per...

Fattacci

Fattacci

Autore: Vincenzo Cerami ,

Numero di pagine: 252

«La bravura vera di Cerami consiste nel cogliere l’interiore mediocrità di questa tendenza insopprimibile all’orrore, non rinunciando neanche, quand’è il caso, a colorire di grottesco e persino di ridicolo i fatti più terribili.» la Repubblica - Alberto Asor Rosa Fino a che punto le disavventure che ci capitano le abbiamo cercate? Basta uno stupido scambio di persona o un piccolo gesto dissennato per trovarsi di colpo in un giallo o per finire in prigione tra violentatori e despoti. È quanto racconta in questi fattacci di sangue Vincenzo Cerami: quattro delitti famosi realmente avvenuti nella seconda metà del Novecento, accomunati da un’evidente quanto inconsapevole complicità tra vittime e carnefici e consumati da personaggi che si possono incontrare sotto casa, tutte persone – fino al giorno prima – perbene. Indagando su questa attrazione inconscia del male, Cerami ci conduce in un «viaggio nella sporcizia prodotta dall'Italia borghese del dopoguerra», per farci scoprire che a tutti può toccare in sorte di aprire la porta a un assassino insospettabile, specie se ci somiglia. E spesso è solo il caso a non farcelo incontrare.

Sin imagen

Il vocabolario italiano-tedesco di Un borghese piccolo piccolo di Vincenzo Cerami

Autore: Guido Beretta ,

Numero di pagine: 11
Giovanni Albanese

Giovanni Albanese

Autore: Aa.Vv. ,

Numero di pagine: 66

ENGLISH FACING TEXT Artista e regista, nato a Bari nel 1955, vive a Roma. Laureato in Architettura, al Politecnico di Torino. È titolare della Cattedra di Decorazione all'Accademia di Belle Arti di Roma. Nel 2011 è presente con l'opera “Costellazione” alla 54a Biennale di Venezia a Palazzo Bianchi Michiel con la Fondazione Pino Pascali. Nello stesso anno è presente con l'installazione “7 grandi canestri” nella zona rossa del centro storico de L'Aquila, ed esce nelle sale il suo film “Senza arte né parte” prodotto da Lumiere&Co e Rai Cinema, distribuito da 01. A dicembre/febbraio 2009/2010 ha realizzato l'installazione “Luci d'Artista” nel centro storico di Spoleto. A giugno/luglio 2009 ha esposto al Chelsea Art Museum di New York. Nel 2008 è finalista e Premio Acquisto al Premio Terna 01 per l'Arte Contemporanea. Nel 2003 è uscito nelle sale il suo lungometraggio “A.A.A. Achille”, film scritto con Vincenzo Cerami, con musiche di Nicola Piovani, con cui ha vinto il Giffoni Film Festival. Nel 2002 gli è stato assegnato il “Premio Pino Pascali per l'Arte Contemporanea”. Nel 1996 è stato invitato alla XII Quadriennale Nazionale d'Arte di Roma. Nel 1995...

Epifanie entomologiche nella cultura italiana, numero monografico di Filoloski pregled, XLVI 2019 1

Epifanie entomologiche nella cultura italiana, numero monografico di "Filoloski pregled", XLVI 2019 1

Autore: Ellen Patat , Stefania La Vaccara , Roberta Maugeri , Michele Comelli , Chiel Monzone , Marianna Nespoli , Salvatore Pugliese , Luca Danti , Remo Castellini , Diego Varini , Elisabetta Convento , Davide Italia , Cristiano Bedin , Daniela Bombara , Armando Rotondi , Roberto Russi ,

Numero di pagine: 277

In questo numero monografico di Filoloski pregled ci si propone di indagare la presenza e la metaforologia dell’insetto nella cultura e letteratura italiana anche in prospettiva comparatistica, prendendo in considerazione le seguenti linee di ricerca : rappresentazioni di insetti nella tradizione letteraria italiana: tematizzazioni didascaliche e allegorie entomologiche; trasformazioni diacroniche del motivo entomologico attraverso i secoli e i contesti ; intersezioni fra generi e discorsi letterari/artistici; simboli e stigmi legati all’immagine dell’insetto; riscritture del tema. Sporchi, brulicanti, orribili, ma anche aerei, armonici, ‘sapienti’, gli insetti sono presenze costanti, spesso problematiche e inquietanti, nel panorama letterario italiano. Agli antipodi dell’umano, gli insetti incarnano un grado zero dell’essere – l’esistenza irriflessa e senza pensiero, puro istinto di sopravvivenza –, pre-umano e pre-individuale. Il loro affollarsi nella pagina scritta individua, talvolta descrive in chiave allegorica le paure dell’uomo: la catastrofe improvvisa, il Male in sé, l’angoscia dell’omologazione, in senso biologico e politico. Le minime...

ANNO 2020 LO SPETTACOLO E LO SPORT TERZA PARTE

ANNO 2020 LO SPETTACOLO E LO SPORT TERZA PARTE

Autore: ANTONIO GIANGRANDE ,

Rappresentare con verità storica, anche scomoda ai potenti di turno, la realtà contemporanea, rapportandola al passato e proiettandola al futuro. Per non reiterare vecchi errori. Perché la massa dimentica o non conosce. Denuncio i difetti e caldeggio i pregi italici. Perché non abbiamo orgoglio e dignità per migliorarci e perché non sappiamo apprezzare, tutelare e promuovere quello che abbiamo ereditato dai nostri avi. Insomma, siamo bravi a farci del male e qualcuno deve pur essere diverso!

A figura intera

A figura intera

Autore: Milo Manara ,

Numero di pagine: 224

Milo Manara racconta se stesso. La propria arte e la propria vita. L’infanzia e la gioventù, l’amore per il disegno e il travolgente incontro con il fumetto, la gavetta nei tascabili sexy, il Sessantotto, gli insegnamenti e l’amicizia con Hugo Pratt, il “Maestro”. E l’affermazione come Autore ammirato in tutto il mondo, specialmente grazie alla raffigurazione di un corpo femminile entrata nell’immaginario collettivo. Una storia in cui il fumetto incontra anche il cinema, in particolare quello di Federico Fellini, con il quale Milo Manara realizza storie e condivide progetti e sogni. La confessione sincera e appassionata di un autore che sa essere testimone del proprio tempo, accompagnata da vignette, bozzetti, manifesti e fotografie. Un’autobiografia che soddisfa la mente e lo sguardo.

Sin imagen

Il vocabolario italiano-tedesco di “Un borghese piccolo piccolo” di Vincenzo Cerami, “I Garzanti” 8

Autore: Guido Beretta ,

Numero di pagine: 11
Registro di classe

Registro di classe

Autore: Sandro Onofri ,

Numero di pagine: 140

Sandro Onofri muore nel 1999, a 44 anni. Nel suo computer la moglie ritrova un diario, incompiuto: è l’ultimo racconto della scuola pubblica del Novecento, e ha il sapore di un involontario testamento. A distanza di un secolo da Cuore di De Amicis, e alle soglie di un nuovo millennio e di una rivoluzione tecnologica, Onofri torna a chiedersi, con il suo stile asciutto e antiretorico, quale sia il modo più onesto per insegnare. È un uomo pieno di dubbi e di passione, ma ama il lavoro che ha scelto: «Esiste un mestiere più bello del mio?» Quello che gli interessa è l'autenticità, non la brillantezza. Non rimpiange niente, solleva domande e non si fa illusioni. Sa che «gli studi umanistici non umanizzano» e che, dove insegna, i libri non esistono: su settanta alunni, soltanto uno ha letto Pinocchio. Ma più di tutto detesta i condizionamenti delle famiglie e il vittimismo dei colleghi, l’omologazione dei loro alibi, l’incuria. La sua è la voce isolata di chi ha scelto di stare dalla parte degli studenti. Si sente affratellato ai ragazzi che lo respingono: ne riconosce il malessere, che è stato anche il suo. Vorrebbe salvaguardarne l’innocenza, proteggerne...

Il perfetto paraculo

Il perfetto paraculo

Autore: Paolo Pedote ,

Numero di pagine: 200

Il paraculo è colui che sa abilmente e con disinvoltura volgere a proprio favore ogni situazione o fare il proprio interesse a scapito degli altri e senza darlo a vedere. La sua esistenza ti ricorda che: – sbagliare è umano, ma incolpare gli altri è meglio. – Guadagnarsi un applauso per un lavoro ben fatto è soddisfacente, ma prendersi il merito senza aver mosso un dito è meno stressante. – Fare sacrifici per un ideale è lodevole, ma arrivarci da privilegiato è ancora meglio. – Il mondo si divide in due: le “merdacce” e i paraculi. A te tocca scegliere da che parte stare. Se sei un italiano, possiedi certamente nel tuo Dna il gene paraculo. Il corredo genetico però non basta. Per diventare il perfetto paraculo che potenzialmente sei, oltre a un ferreo addestramento quotidiano, hai bisogno di un manuale: questo. Pagina dopo pagina, qui troverai l’arte di ottenere un posto di lavoro attraverso una raccomandazione; la bravura nel gestire conversazioni e supercazzole assortite con disinvoltura su argomenti dei quali sei del tutto ignaro; l’abilità nel dispensare complimenti adulatori ai tuoi superiori e parallelamente spargere veleno sui tuoi competitor; la...

Con molta cura

Con molta cura

Autore: Severino Cesari ,

Numero di pagine: 200

La vita, l'amore e la chemioterapia a km zero. Un diario 2015-2017 "Io sono nient'altro che la cura che faccio. E non sono solo nel farla. La cura presuppone l'esercizio quotidiano dell'amore. Non c'è altra vita che questa, adesso, questa vita meravigliosa che permette altra vita. In una ghirlanda magica, un rimandarsi continuo. Mi travolge un'onda di gratitudine senza fine. Curarsi, praticare con metodo ed efficienza la cura che devi obbligatoriamente fare, vuol dire star bene, in linea di massima. L'esercizio quotidiano dell'amore, questo infine auguro a tutti, a tutte. Non c'è altro, credete. Se non avete sottomano l'opportunità di una cura da fare - scherzo, ma fino a un certo punto! - potete sempre però prendervi cura. Prendervi cura di voi stessi, e di quelli cui volete bene. E magari anche degli altri. Non c'è davvero altro, credete. Questo è davvero importante, penso allora: non è vita minore questa mia, che adesso mi è data, è vita e capacità e voglia di sorridere alla vita." SC

Alberto Sordi e la sua Roma

Alberto Sordi e la sua Roma

Autore: AA. VV. ,

Numero di pagine: 260

Alberto Sordi non è stato soltanto un grande attore, un inimitabile interprete di commedie: nessuno come lui ha raccontato l'Italia dai tempi del fascismo al nuovo millennio attraversando la ricostruzione, l'emigrazione, il boom economico, il femminismo, l'euforia degli Ottanta, il rapporto con la Chiesa, l'evoluzione della coppia, l'arroganza del potere, la solitudine degli anziani. In circa duecento film, tutti preziosi documenti antropologici, Alberto ha smantellato la retorica dei sentimenti con l'umorismo spietato della sua osservazione. La sua forza? Portare sullo schermo tipi umani presi dalla realtà, nei quali chiunque potesse riconoscersi. E nella storia di Sordi, Roma è stato il grande amore, il luogo dove magicamente si sono intrecciati i film dell'attore e la sua biografia densa di eventi e incontri, appassionante come un romanzo. Oggi, a dieci anni dalla scomparsa di “Albertone”, questo libro ripercorre attraverso immagini, testimonianze, battute celebri, ricordi, la grande storia d'amore di Sordi con la sua città.

Una candela illumina il Lager

Una candela illumina il Lager

Autore: Silvia Pascale ,

Numero di pagine: 416

Giancarlo Turchetto, Sottotenente in Grecia, dopo l’8 settembre 1943 viene catturato dai tedeschi a Volos e deportato attraverso un lungo viaggio a Beniaminowo, da dove poi sarà trasferito a Sandbostel e infine a Wietzendorf. La storia del protagonista è una delle tante vicende che coinvolsero oltre 600mila militari italiani fatti prigionieri dai tedeschi dopo l’8 settembre del ‘43. È la storia di una Resistenza senz’armi, di un militare che ha scelto di restare nel Lager piuttosto che collaborare con Hitler e Mussolini. Turchetto racconta ogni giorno la sua prigionia: sono pagine preziose, descrizioni vivide, emozioni scritte sulla carta alla luce fioca di una candela. E sono tutte rivolte alla moglie Mariuccia – chiamata affettuosamente Uccia – ai figli e alla mamma Camilla, che a casa hanno atteso a lungo il suo ritorno. La scrittura ha il carattere vivo di un romanzo, ma romanzo non è. Le condizioni di vita sono misere, si soffre il freddo, la fame, e il pensiero della morte accompagna costantemente il protagonista. È’ una condizione che di umano non ha più nulla, ma Giancarlo sopravviverà e riuscirà a tornare grazie all’amore per la sua famiglia, che...

Siamo tutti tifosi della Roma

Siamo tutti tifosi della Roma

Autore: Marco Stretto ,

Numero di pagine: 24

SAGGIO (24 pagine) - SPORT - Una caleidoscopica carrellata fra i tifosi VIP della Roma, da quelli arcinoti come Andreotti e Venditti a quelli insospettabili come Roger Federer, Debora Serracchiani o Antonio Candreva, corredata con svariate dichiarazioni celebrative e gaffes esilaranti. Che personaggi come Antonello Venditti, Giulio Andreotti, Sabrina Ferilli, Paolo Liguori o Claudio Amendola fossero tifosi VIP della Roma è risaputo, ma, pescando nel passato e nel mondo, chi avrebbe mai immaginato che anche Vittorio Gassman, Roger Federer, Debora Serracchiani, Massimo D'Alema, Antonio Candreva, Fabio Liverani, Paola Cortellesi, Sara Tommasi o Luca Zingaretti fossero tifosi giallorossi? In questa nostra ampia carrellata di VIP romanisti, non solo avrete occasione di imbattervi in nomi insospettabili, suddivisi in categorie che vanno dagli attori ai cantanti, ai politici o agli sportivi, ma troverete anche svariate dichiarazioni celebrative di questi tifosi. Dulcis in fundo, una gustosa rassegna di esilaranti gaffe riconducibili all'universo giallorosso. Dietro lo pseudonimo Marco Stretto si nasconde uno scrittore e giornalista che ha riscosso successo su importanti testate...

Ultimi ebook e autori ricercati