Scarica Libri Gratuiti

Scarica libri ed ebooks (I migliori libri in formato PDF, EPUB, etc)

Cerca negli ebook:

Numero totale di libri trovati 39 per la tua ricerca. Scarica gli ebook e divertiti!
Breve storia del mondo - Edizione illustrata

Breve storia del mondo - Edizione illustrata

Autore: Ernst H. Gombrich

Numero di pagine: 368

IL PIÙ BEL RACCONTO MAI SCRITTO SULLA STORIA DELL’UOMO «Un manifesto di libertà e integrità... Una lettura incredibile. Molte generazioni di futuri storici gli attribuiranno la loro eterna passione per la storia e per la verità.» The Times «Un libro memorabile, scritto in uno stile affabile e colloquiale, capace di spiegare senza sforzo né condiscendenza argomenti complessi.» New York Times «Tolleranza, ragione e umanità permeano ogni pagina.» The Guardian «Una delizia per tutte le età. Le pagine brillano della saggezza e dell’umorismo del suo coltissimo autore, leggendole ci si sente guidati da Gombrich in un viaggio nel tempo.» The Observer «Splendido, irresistibile: una bellissima sorpresa. » Philip Pullman Tentare una sintesi della storia del mondo è un’impresa per temerari. E.H. Gombrich, uno dei più importanti storici dell’arte di tutti i tempi,ha portato a termine questo ambizioso progetto, firmando un’opera divenuta ormai un classico irrinunciabile, che attraverso quaranta brevi capitoli ripercorre il cammino dell’umanità dall’età della pietra alla bomba atomica. Pubblicata per la prima volta in inglese nel 2005, la Breve storia del mondo ...

e171 | Aby Warburg, inediti e saggi critici

e171 | Aby Warburg, inediti e saggi critici

Autore: Martin Warnke , Michael Diers , Ianick Takaes de Oliveira , Silvia De Laude , Philippe Despoix , Martin Treml , Laura Tack

Editoriale. Omaggio a Martin Warnkea cura di Monica Centanni, Anna Fressola, Maurizio Ghelardi Martin Warnke, Aby Warburg als Wissenshaftspolitiker (con traduzione italiana del Seminario Mnemosyne) Michael Diers, Martin Warnke (1937-2019). Vita dopo la vita in un ritratto per immagini Aby Warburg, Il metodo della scienza della cultura [1927], edizione tedesca di Maurizio Ghelardi, traduzione italiana del Seminario Mnemosyne Edgar Wind, Recensione a Ernst H. Gombrich, Aby Warburg. An intellectual Biography [1971], traduzione italiana di Monica Centanni e Anna Fressola Ianick Takaes de Oliveira, “Il y a un sort de revenant”. A Letter-Draft from Edgar Wind to Jean Seznec [1954] Monica Centanni e Silvia De Laude, Delio Cantimori e il Warburgkreis Monica Centanni, “Purtroppo non abbiamo trovato molto tra le carte della nostra cara amica Gertrud Bing che si potrebbe salvare”. Lettera di Gombrich a Cantimori [1964] Maurizio Ghelardi, Magia bianca. Aby Warburg e l’astrologia: un “impulso selvaggio della scienza”. Introduzione a Aby Warburg, Astrologica, Einaudi, Torino 2019 Philippe Despoix e Martin Treml, Gertrud Bing. Fragments sur Aby Warburg, INHA, Paris 2019....

Raphael in Early Modern Sources (1483-1602)

Raphael in Early Modern Sources (1483-1602)

Autore: John K. G. Shearman , Bibliotheca Hertziana Staff

Numero di pagine: 1706

Every known document concerning Raphael, covering a period of 120 years from his birth in 1483, is included in this chronologically organized collection.

la rivista di engramma 2015 130-131

la rivista di engramma 2015 130-131

Autore: Engramma

Numero di pagine: 437

Raccolta dei numeri di 'La Rivista di Engramma' (www.engramma.it) 130-131-8 dell'anno 2015. Raccolta della rivista di engramma del Centro studi classicA | Iuav, laboratorio di ricerche costituito da studiosi di diversa formazione e da giovani ricercatori, coordinato da Monica Centanni. Al centro delle ricerche della rivista è la tradizione classica nella cultura occidentale: persistenze, riprese, nuove interpretazioni di forme, temi e motivi dell’arte, dell’architettura e della letteratura antica, nell’età medievale, rinascimentale, moderna e contemporanea.

Fondamenti di pedagogia musicale

Fondamenti di pedagogia musicale

Autore: Carlo Delfrati

Numero di pagine: 440

«A cosa serve la musica, nella nostra vita di adulti, di giovani, di bambini? Per quali ragioni vogliamo che si insegni nelle scuole? Quale musica poi? Bach è uno dei valori indiscussi della nostra cultura, ma è lontano dagli interessi dei ragazzi; viceversa, la canzone è il loro pane quotidiano, ma sulla canzone si proiettano le ombre del condizionamento mercantile. E allora? Le domande si moltiplicano. Educarsi alla musica vuol dire imparare a scegliere, ascoltandola, o vuol dire farla, con la voce, con gli strumenti? Studiare musica implica che ci si confronti con tecniche e nozioni speciali: esercizi per le dita o per la laringe, solfeggi, armonizzazioni, classificazioni, cronistorie. Fino a che punto la loro pratica arricchisce la competenza musicale, da che punto diventa alienante? E insomma, che cosa rende efficace un insegnamento, che cosa lo rende inane, o addirittura controproducente? Sono solo alcune delle tante domande che si affacciano prima o poi a ogni consapevole educatore, docente, operatore culturale, uomo politico. Nel corso del mio lavoro di insegnante ho cercato di affrontarle come meglio potevo: sperimentando, leggendo o ascoltando ciò che ne dicevano...

Arte e pubblico

Arte e pubblico

Autore: Ernst H Gombrich

Il grande storico dell’arte Gombrich apre la riflessione alla vita delle opere nel circuito della fruizione. Artisti, esperti d’arte, acquirenti e pubblico creano e condividono quello che diventa il gusto di un’epoca. Il denso pensiero di Gombrich viene qui messo in gioco come un esercizio di esemplificazione che tocca opere e artisti noti. Il risultato è un’opera che rende accessibile a tutti i livelli di lettura le teorie di uno dei più affascinanti e innovativi intellettuali del Novecento. Una vivace indagine, dai toni eleganti, sull’evoluzione delle nostre capacità di giudicare.

Millard Meiss. Tra connoisseurship, iconologia e Kulturgeschichte

Millard Meiss. Tra connoisseurship, iconologia e Kulturgeschichte

Autore: Jennifer Cook

Numero di pagine: 140

Membro di quella prima generazione formatasi nell’età dell’oro della storia dell’arte americana tra gli anni Venti e Trenta, Millard Meiss (1904-1975) elaborò un originale e multiforme approccio metodologico. Da un lato, la scienza del conoscitore del primo maestro, Richard Offner, trovò applicazione nei saggi sul Trecento toscano, da FrancescoTraini al Camposanto di Pisa, alle contese tra Duccio e Cimabue, alla questione assisiate. Dall’altro, lo studio dei rapporti tra Italia e Fiandra e il loro incrocio nella miniatura francese fu, invece, stimolato dall’incontro con Panofsky, insieme a una riformulazione del proprio metodo ora orientato all’indagine del significato dell’opera. Un percorso che condusse Meiss ad approfondire le influenze del clima filosofico-religioso sulla produzione artistica nel celebre Pittura a Firenze e Siena dopo la Morte Nera, la cui problematica ricezione tra côté anglosassone e italiano offre lo spunto per una discussione sulla storia sociale dell’arte. A ciò si aggiunse una sensibilità per lo studio delle tecniche artistiche e i problemi di restauro tradotta nel diretto impegno di Meiss nei comitati per il recupero delle opere...

Un di' si venne a me malinconia... L'interiorità in Occidente dalle origini all'età moderna

Un di' si venne a me malinconia... L'interiorità in Occidente dalle origini all'età moderna

Autore: Antonella Mancini

Numero di pagine: 256
e151 | Mnemosyne contesa

e151 | Mnemosyne contesa

Autore: Seminario Mnemosyne , Salvatore Settis , Alessandra Pedersoli , Simone Culotta , Victoria Cirlot , Matias Nativo , Alessia Prati , Marilena Calcara

Editoriale, Monica Centanni, Anna Fressola Ernst Gombrich, Geburtstagsatlas (1937): una prima edizione digitale, Seminario Mnemosyne Ernst Gombrich, Zur Mnemosyne (1937). Testo originale e traduzione italiana (con Note e appunti di lessico), Seminario Mnemosyne Esercizi di confronto tra le tavola 7, 30, 37 del Geburtstagsatlas e le corrispondenti tavole del Mnemosyne Atlas, Salvatore Settis, Alessandra Pedersoli, Simone Culotta Zwischenraum/Denkraum. Oscillazioni terminologiche nelle Introduzioni all'Atlante di Aby Warburg e di Ernst Gombrich, Victoria Cirlot Ronald Brooks Kitaj. Warburg/Gombrich: due ritratti a confronto, Matias Nativo, Alessia Prati Bibliography. Works by Aby Warburg and secondary literature (updated 2017), Marilena Calcara, Monica Centanni

e177* | Gertrud Bing erede di Warburg

e177* | Gertrud Bing erede di Warburg

Autore: Gertrud Bing , Elisa del Prete , Vittoria Magnoler , Ernst Gombrich , Donald Goedon , Chiara Velicogna , Kurt W. Forster , Bärbel Hedinger , Michael Diers , Lucrezia Not

Numero di pagine: 228

Gertrud Bing erede di Warburg, a cura di Monica Centanni e Daniela Sacco. Editoriale a cura di Monica Centanni e Daniela Sacco. Gertrud Bing, Notes on the Warburg Library. Gertrud Bing, Il Warburg Institute e gli studi umanistici, a cura di Elisa Del Prete. Gertrud Bing-Eugenio Garin, Epistolario 1949-1963, a cura di Vittoria Magnoler. Gertrud Bing 1892-1964. In memoriam, edited by Ernst Gombrich. Donald Gordon, In memoriam Gertrud Bing, a cura di Chiara Velicogna. Kurt W. Forster, The Unforgettable Gertrud Bing. Gertrud Bing. Bibliografia delle opere e della letteratura critica (con una Nota biografica), a cura di Monica Centanni e Elisa Del Prete Un giunto energetico per la Scienza della cultura. Presentazione di: Kurt W. Forster, Il metodo di Aby Warburg. L’antico dei gesti, il futuro della memoria, traduzione di Giulia Bordignon. Bärbel Hedinger, Michael Diers, Presentazione di: Mary Warburg, geb. Hertz. Ein kurzes Porträt der vergessenen Künstlerin. Bibliography. Works by Aby Warburg and secondary Literature, edited by Lucrezia Not, updated November 2020.

Il disegno infantile nell’arte e nel pensiero visivo

Il disegno infantile nell’arte e nel pensiero visivo

Autore: Antonio Torquato Lo Mele

Numero di pagine: 114

Il disegno infantile costituisce, a nostro avviso, non solo un luogo privilegiato in cui la creatività e l'immaginazione si lasciano osservare, ma anche una fonte inesauribile di invenzioni grafiche da conoscere e da esplorare. Con tale indagine il saggio vuole dare un contributo a comprendere la genesi della creatività infantile, coglierne il nesso con testimonianze, eventi artistici ed espressioni culturali del xx secolo, nel convincimento che ciò possa condurre verso approfondimenti operativi. Non si propone di imitare i bambini, ma di percorrere ed esplorare piste da loro intercettate, le quali per tante ragioni, non escluse le convenzioni del realismo visivo sono state abbandonate. Questo saggio è rivolto non solo agli artisti e ai teorici della forma e della figurazione, ma anche a coloro che non hanno particolare talento artistico né pensano mai di seguire un'attività del genere, a “l'homme du commun” direbbe Dubuffet, a coloro che hanno perso l'abitudine di tener in mano una matita, ritenuta inutile per una presunta incapacità ad usarla, infine agli educatori, a quanti pensano che il disegno non sia, come nello sport agonistico, il luogo dove si formano e si...

Estetica dell'immagine. Gli stili come forme della visione e della rappresentazione

Estetica dell'immagine. Gli stili come forme della visione e della rappresentazione

Autore: Raffaele Simongini

Numero di pagine: 99
Il segno della melanconia

Il segno della melanconia

Numero di pagine: 246

Sul principio di polarità, fra esaltazione e abbattimento, si è basata la riflessione che fa da filo conduttore al concetto di melanconia, affrontato all’interno di questo libro. L’aspetto romantico della melanconia è solo una faccia di un argomento che affonda le radici nell’antichità e si snoda nel tempo e nella storia fino a toccare gli studi psicologici sulla melanconia come malattia. Il senso sfuggente e misterioso di ciò che accade in questa esperienza umana è stato affrontato con un’analisi che mette in relazione gli studi e il vissuto dello storico dell’arte Aby Warburg con le teorie psicanalitiche, cliniche e filosofiche. Uno studio interdisciplinare condotto nelle regioni oscure della ragione dove perdersi o affrontare il paradosso della verità.

la rivista di engramma 2003 22-29

la rivista di engramma 2003 22-29

Autore: Engramma

Numero di pagine: 409

Raccolta dei numeri di 'La Rivista di Engramma' (www.engramma.it) 22-29 dell'anno 2003. Raccolta della rivista di engramma del Centro studi classicA | Iuav, laboratorio di ricerche costituito da studiosi di diversa formazione e da giovani ricercatori, coordinato da Monica Centanni. Al centro delle ricerche della rivista è la tradizione classica nella cultura occidentale: persistenze, riprese, nuove interpretazioni di forme, temi e motivi dell’arte, dell’architettura e della letteratura antica, nell’età medievale, rinascimentale, moderna e contemporanea.

la rivista di engramma 2007 54-60

la rivista di engramma 2007 54-60

Autore: Engramma

Numero di pagine: 404

Raccolta dei numeri di 'La Rivista di Engramma' (www.engramma.it) 54-60 dell'anno 2007. Raccolta della rivista di engramma del Centro studi classicA | Iuav, laboratorio di ricerche costituito da studiosi di diversa formazione e da giovani ricercatori, coordinato da Monica Centanni. Al centro delle ricerche della rivista è la tradizione classica nella cultura occidentale: persistenze, riprese, nuove interpretazioni di forme, temi e motivi dell’arte, dell’architettura e della letteratura antica, nell’età medievale, rinascimentale, moderna e contemporanea.

la rivista di engramma 2014 119-122

la rivista di engramma 2014 119-122

Autore: Engramma

Numero di pagine: 401

Raccolta dei numeri di 'La Rivista di Engramma' (www.engramma.it) 119-122 dell'anno 2014. Raccolta della rivista di engramma del Centro studi classicA | Iuav, laboratorio di ricerche costituito da studiosi di diversa formazione e da giovani ricercatori, coordinato da Monica Centanni. Al centro delle ricerche della rivista è la tradizione classica nella cultura occidentale: persistenze, riprese, nuove interpretazioni di forme, temi e motivi dell’arte, dell’architettura e della letteratura antica, nell’età medievale, rinascimentale, moderna e contemporanea.

e163 | Arianna: estasi e malinconia

e163 | Arianna: estasi e malinconia

Autore: Claudia Valeri , Nicola Luciani , Sara Agnoletto , Giulia Bordignon , Mathias Julian Nativo , Alessia Prati , Massimo Crispi , Francesca Filisetti

Numero di pagine: 267

Editoriale Monica Centanni, Micol Forti L’Arianna addormentata dei Musei Vaticani, già Cleopatra in Belvedere Claudia Valeri Un’iconografia dionisiaca nell’Iseum et Serapeum del Campo Marzio? Nicola Luciani Giocare a fare i Classici Sara Agnoletto Arianna prima di Arianna. Note sulla Pathosformel della ‘bella addormentata’ prima della ‘Cleopatra’ vaticana (1512) Giulia Bordignon Arianna in Andros: una invenzione di Tiziano Monica Centanni ‘Sotto gli occhi di tutti’: note sulla raffigurazione di Arianna addormentata nell’arte del Novecento Micol Forti Giorgio de Chirico, Arianna 1912-1913 Matias Julian Nativo, Alessia Prati Arianna dalle belle trecce Massimo Crispi Arianna di Nanni Balestrini con una introduzione di Andrea Cortellessa “Arianna è scomparsa, il Minotauro è in agguato” Francesca Filisetti, a cura del Seminario Mnemosyne

Nel segno dell’essenziale

Nel segno dell’essenziale

Autore: Davide Dal Sasso

Numero di pagine: 376

L’arte dopo il concettualismo è l’arte che ritorna all’ars, alla operosità umana. È arte che esprime il suo profondo legame con i progetti e le pratiche. È arte che rivela talune delle sue regole dando risalto più al fare che non alle apparenze, ai processi anziché alle forme, alla creatività piuttosto che agli aspetti visivi delle opere. Dopo il concettualismo le artiste e gli artisti fanno arte nel segno dell’essenziale, ossia del minimo indispensabile perché si riconosca la sua natura di pratica umana e più che umana.

Visual & Visual Design

Visual & Visual Design

Autore: Clemente Francavilla

Numero di pagine: 272

Vision & Visual Design offre una trattazione innovativa di alcuni temi del basic design: punto, linea e superficie, modulo, struttura, ritmo, spazio e campo, rarefazione e addensamento, deformazione, equilibrio. Il tutto, affrontato secondo un approccio gestaltico, è sviluppato in quattro capitoli, dedicati rispettivamente a: definizioni, configurazione, forma, colore. Alla fine di ogni singolo argomento sono proposti esercizi svolti, accuratamente commentati; spiegazioni tecniche step-by-step delle fasi che prevedono l’impiego del software utilizzato (Adobe Illustrator); nonché uno spazio riservato ad annotazioni per il lettore con considerazioni, raffronti con esempi autorevoli, suggerimenti. Il volume offre, inoltre, la rilettura di una serie di illustri metodi di educazione alla visione che comprendono le esperienze di ricerca di Wassily Kandinsky, Johannes Itten, László Moholy-Nagy e Paul Klee presso il Bauhaus di Weimar; di György Kepes alla New Bauhaus di Chicago; di Josef Albers alla School of Design della Yale University; di Max Bill alla Hochschule für Gestaltung di Ulm; di Bruno Munari al Carpenter Center di Cambridge; di Lois Swirnoff al Department of Art,...

Geometrie del tempo

Geometrie del tempo

Autore: Stefania Consonni

Numero di pagine: 400

Nell’Inghilterra del Settecento nasce il romanzo quale ancora oggi noi l’intendiamo, ossia come il più capace e minuzioso, il più prodigioso ingranaggio di discorsi, immaginario e forme che si sia mai inventato. Ed è da allora, nonostante continue ridefinizioni di codice, erosioni di confini e salti di paradigma (e più di un tentativo di suicidio), che le modalità narrative attuate da Daniel Defoe, Samuel Richardson, William Godwin, Henry Fielding e Laurence Sterne sono fra i cardini semiotici della nostra cultura letteraria e visiva. Perché con le sue configurazioni di trama il romanzo si costituisce attraverso proprietà morfologiche che hanno segnato indelebilmente la teoria della letteratura e delle arti visive, così come la storia dell’estetica e dell’epistemologia. Giovane ma già audace, e da subito raffinato, il romanzo inglese del Settecento lavora con geometrie del tempo che sono tanto costrutti cronologici quanto strutture visuali. Stefania Consonni imposta il problema della configurazione romanzesca in chiave intermediale e interdisciplinare, come luogo di un’articolazione complessa fra tempo e spazio, come dialogo fra segni e linguaggi differenti e...

e153 | Mnemosyne chellenged

e153 | Mnemosyne chellenged

Autore: Seminario Mnemosyne , Victoria Cirlot , Ianuck Takaes de Oliveira , Sergio Polano , Matias Nativo , Alessia Prati

Editorial paper, Monica Centanni, Anna Fressola, Elizabeth Thomson Ernst H. Gombrich, Geburtstagsatlas: An Index of materials published in Engramma, by Seminario Mnemosyne Ernst H. Gombrich, Geburtstagsatlas für Max M. Warburg (1937). First digital edition, by Seminario Mnemosyne Ernst H. Gombrich, To Mnemosyne: An Introduction to Geburtstagsatlas (1937), by Seminario Mnemosyne Zwischenraum/Denkraum. Terminological Oscillations in the Introductions to the Atlas by Aby Warburg (1929) and Ernst Gombrich (1937), Victoria Cirlot “L’esprit de Warburg lui-même sera en paix”. A survey of Edgar Wind’s quarrel. With the Warburg Institute. Appendix: The Warburgkreis correspondence, Ianick Takaes de Oliveira A Review of Ernst H. Gombrich, Aby Warburg: An Intellectual Biography (London 1970). First digital edition, Edgar Wind A Laboratory of the Science of Culture. Review of A. Warburg, Gesammelte Schriften (1933). First digital edition, Johan Huizinga. Edition and translation by Monica Centanni, Sergio Polano and Elizabeth Thomson Autobiography of a Warburgian Artist. Review of: Ronald B. Kitaj Confessions of an Old Jewish Painter (2017), Matias J. Nativo, Alessia Prati

aut aut 372

aut aut 372

Autore: AA.VV.

Numero di pagine: 140

aut aut - numero 372 (dicembre 2016) della rivista fondata da Enzo Paci."Calvino sospeso"

Breve storia del mondo

Breve storia del mondo

Autore: Ernst H. Gombrich

Numero di pagine: 338

Un classico della divulgazione, un libro che coniuga completezza e semplicità, nel quale lo storico dell'arte Ernst Gombrich è stato in grado di riassumere la favola vera del progresso dell'umanità in poco più di trecento pagine: un'impresa che richiede coraggio e una non trascurabile conoscenza della materia. L'abilità di Gombrich è rivolgersi al lettore, più o meno giovane, dandogli del tu e mettendosi nei panni del “fratello maggiore”. Con un linguaggio semplice e avvincente, l'autore descrive tutti i grandi passaggi epocali e presenta ai lettori i personaggi più rappresentativi di ogni epoca, regalando loro storie che si leggono tutte d'un fiato e insegnando la storia dell'umanità come se fosse un grande romanzo.

la rivista di engramma 2014 116-118

la rivista di engramma 2014 116-118

Autore: Engramma

Raccolta dei numeri di 'La Rivista di Engramma' (www.engramma.it) 116-118 dell'anno 2014. Raccolta della rivista di engramma del Centro studi classicA | Iuav, laboratorio di ricerche costituito da studiosi di diversa formazione e da giovani ricercatori, coordinato da Monica Centanni. Al centro delle ricerche della rivista è la tradizione classica nella cultura occidentale: persistenze, riprese, nuove interpretazioni di forme, temi e motivi dell’arte, dell’architettura e della letteratura antica, nell’età medievale, rinascimentale, moderna e contemporanea.

Ultimi ebook e autori ricercati