Scarica Libri Gratuiti

Scarica libri ed ebooks (I migliori libri in formato PDF, EPUB, etc)

Cerca negli ebook:

Numero totale di libri trovati 40 per la tua ricerca. Scarica gli ebook e divertiti!
Elogio dei giudici scritto da un avvocato

Elogio dei giudici scritto da un avvocato

Autore: Piero Calamandrei ,

Numero di pagine: 406

Rileggere – o leggere per la prima volta – cosa scriveva questo grande maestro di vita, prima che di diritto, negli anni dal 1935 al 1956, in una serie di aneddoti e di considerazioni piene di humour, provoca nel lettore (in qualunque lettore, anche se sprovvisto di esperienza giuridica) un’emozione da grande scoperta. Dalle pagine di Calamandrei balza un quadro vivacissimo e pieno di realismo, illuminato da un’aneddotica professionale e da una ricca messe di regolette preziose sulla difficile convivenza tra i due banchi dell’udienza: «L’avvocato deve sapere in modo così discreto suggerire al giudice gli argomenti per dargli ragione, da lasciarlo nella convinzione di averli trovati da sé»; «Il cliente non sa che molte volte, dopo una vittoria, dovrebbe andare ad abbracciare commosso non il suo avvocato, ma l’avvocato avversario»; l’indipendenza dei giudici «è un duro privilegio, che impone, a chi ne gode, il coraggio di restar solo con se stesso, a tu per tu, senza nascondersi dietro il comodo schermo dell’ordine superiore». Calamandrei insiste particolarmente sul motivo della comunanza delle vite parallele: «Il segreto della giustizia sta in una sempre ...

Sin imagen

Elogio dei giudici scritto da un avvocato. Seconda edizione aumentata

Autore: Piero Calamandrei (Staatsrechtler) ,

Numero di pagine: 169
Lo Stato siamo noi

Lo Stato siamo noi

Autore: Piero Calamandrei ,

Numero di pagine: 156

Chiamare i deputati e i senatori 'rappresentanti del popolo' non vuol più dire oggi quello che voleva dire in altri tempi: si dovrebbero chiamare 'impiegati del loro partito'.

ANNO 2021 LA GIUSTIZIA QUINTA PARTE

ANNO 2021 LA GIUSTIZIA QUINTA PARTE

Autore: ANTONIO GIANGRANDE ,

Antonio Giangrande, orgoglioso di essere diverso. ODIO OSTENTAZIONE ED IMPOSIZIONE. Si nasce senza volerlo. Si muore senza volerlo. Si vive una vita di prese per il culo. Noi siamo quello che altri hanno voluto che diventassimo. Facciamo in modo che diventiamo quello che noi avremmo (rafforzativo di saremmo) voluto diventare. Rappresentare con verità storica, anche scomoda ai potenti di turno, la realtà contemporanea, rapportandola al passato e proiettandola al futuro. Per non reiterare vecchi errori. Perché la massa dimentica o non conosce. Denuncio i difetti e caldeggio i pregi italici. Perché non abbiamo orgoglio e dignità per migliorarci e perché non sappiamo apprezzare, tutelare e promuovere quello che abbiamo ereditato dai nostri avi. Insomma, siamo bravi a farci del male e qualcuno deve pur essere diverso!

ANNO 2021 LA GIUSTIZIA TERZA PARTE

ANNO 2021 LA GIUSTIZIA TERZA PARTE

Autore: ANTONIO GIANGRANDE ,

Antonio Giangrande, orgoglioso di essere diverso. Si nasce senza volerlo. Si muore senza volerlo. Si vive una vita di prese per il culo. Noi siamo quello che altri hanno voluto che diventassimo. Facciamo in modo che diventiamo quello che noi avremmo (rafforzativo di saremmo) voluto diventare. Rappresentare con verità storica, anche scomoda ai potenti di turno, la realtà contemporanea, rapportandola al passato e proiettandola al futuro. Per non reiterare vecchi errori. Perché la massa dimentica o non conosce. Denuncio i difetti e caldeggio i pregi italici. Perché non abbiamo orgoglio e dignità per migliorarci e perché non sappiamo apprezzare, tutelare e promuovere quello che abbiamo ereditato dai nostri avi. Insomma, siamo bravi a farci del male e qualcuno deve pur essere diverso!

Non c'è libertà senza legalità

Non c'è libertà senza legalità

Autore: Piero Calamandrei ,

Numero di pagine: 72

Di fronte allo «spaventoso caos di un mondo in rovina», nel terribile inverno tra il 1943 e il 1944, Piero Calamandrei comprese come ogni speranza di «duratura rinascita» non poteva che fare affidamento sul ripristino del principio di legalità a «metodo di governo». Se il fascismo era stato il regime dell'illegalità dispiegata, una legalità repubblicana non soltanto doveva essere considerata come fondamento essenziale della libertà, ma doveva anche essere «una legalità che può modificare tutte le leggimeno quelle postea priori come condizioni necessarie per il rispetto della libertà». «Colla legalità non vi è ancora libertà; ma senza legalità libertà non può esserci. Perché solo la legalità assicura, nel modo meno imperfetto possibile, quella certezza del diritto senza la quale praticamente non può sussistere libertà politica.»

L'interpretazione del giudice penale tra regole probatorie e regole decisorie

L'interpretazione del giudice penale tra regole probatorie e regole decisorie

Autore: Claudio Papagno ,

Numero di pagine: 607
Opere giuridiche – Volume V

Opere giuridiche – Volume V

Autore: Piero Calamandrei ,

Numero di pagine: 675

Il quinto volume delle Opere giuridiche di Piero Calamandrei contiene uno dei suoi lavori più classici “La chiamata in garantia” e numerosi altri scritti su questioni centrali del processo civile: “Per la definizione del fatto notorio”, “La condanna”, “La condanna ‘generica’ ai danni”, “La sentenza civile come mezzo di prova”, “Verità e verosimiglianza nel processo civile”.

UGUAGLIANZIOPOLI L'ITALIA DELLE DISUGUAGLIANZE

UGUAGLIANZIOPOLI L'ITALIA DELLE DISUGUAGLIANZE

Autore: Antonio Giangrande ,

E’ comodo definirsi scrittori da parte di chi non ha arte né parte. I letterati, che non siano poeti, cioè scrittori stringati, si dividono in narratori e saggisti. E’ facile scrivere “C’era una volta….” e parlare di cazzate con nomi di fantasia. In questo modo il successo è assicurato e non hai rompiballe che si sentono diffamati e che ti querelano e che, spesso, sono gli stessi che ti condannano. Meno facile è essere saggisti e scrivere “C’è adesso….” e parlare di cose reali con nomi e cognomi. Impossibile poi è essere saggisti e scrivere delle malefatte dei magistrati e del Potere in generale, che per logica ti perseguitano per farti cessare di scrivere. Devastante è farlo senza essere di sinistra. Quando si parla di veri scrittori ci si ricordi di Dante Alighieri e della fine che fece il primo saggista mondiale. Le vittime, vere o presunte, di soprusi, parlano solo di loro, inascoltati, pretendendo aiuto. Io da vittima non racconto di me e delle mie traversie. Ascoltato e seguito, parlo degli altri, vittime o carnefici, che l’aiuto cercato non lo concederanno mai. “Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia,...

LA LOMBARDIA

LA LOMBARDIA

Autore: Antonio Giangrande ,

E’ comodo definirsi scrittori da parte di chi non ha arte né parte. I letterati, che non siano poeti, cioè scrittori stringati, si dividono in narratori e saggisti. E’ facile scrivere “C’era una volta….” e parlare di cazzate con nomi di fantasia. In questo modo il successo è assicurato e non hai rompiballe che si sentono diffamati e che ti querelano e che, spesso, sono gli stessi che ti condannano. Meno facile è essere saggisti e scrivere “C’è adesso….” e parlare di cose reali con nomi e cognomi. Impossibile poi è essere saggisti e scrivere delle malefatte dei magistrati e del Potere in generale, che per logica ti perseguitano per farti cessare di scrivere. Devastante è farlo senza essere di sinistra. Quando si parla di veri scrittori ci si ricordi di Dante Alighieri e della fine che fece il primo saggista mondiale. Le vittime, vere o presunte, di soprusi, parlano solo di loro, inascoltati, pretendendo aiuto. Io da vittima non racconto di me e delle mie traversie. Ascoltato e seguito, parlo degli altri, vittime o carnefici, che l’aiuto cercato non lo concederanno mai. “Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia,...

Opere giuridiche – Volume III

Opere giuridiche – Volume III

Autore: Piero Calamandrei ,

Numero di pagine: 720

Il terzo volume delle Opere giuridiche di Piero Calamandrei raccoglie gran parte delle sue riflessioni nate dalla partecipazione all’Assemblea Costituente e al faticoso avvio della Costituzione repubblicana, fra cui “La Costituzione e le leggi per attuarla”, “Il significato costituzionale del diritto di sciopero”, “La libertà di stampa”, “La illegittimità costituzionale delle leggi nel processo civile”, “Costruire la democrazia”, “Appunti sul concerto di legalità”.

Il diritto del duce

Il diritto del duce

Autore: Aa. Vv. ,

Giustizia e repressione: quali rapporti hanno intrattenuto nel processo di sviluppo, consolidamento e crisi del regime fascista? Questo binomio rappresenta un’importante prospettiva a partire dalla quale ricostruire la storia di qualsiasi regime totalitario, e del fascismo in particolare, visto che in questo caso la storiografia ha insistito soprattutto sulla repressione, trascurando il fatto che il regime fascista ha coltivato un’idea e una cultura istituzionale della «giustizia» in parte nuove, in parte collegate alle fragili radici del principio di legalità dello Stato liberale. Attraverso l’analisi dei protagonisti istituzionali, dei codici, degli organismi giudiziari, delle logiche e delle pratiche politico-giuridiche, nei saggi che compongono questo volume si delinea il processo di torsione in chiave repressiva che gli organi di giustizia hanno subito durante il ventennio all’interno di un quadro di asserita legalità, evidenziando altresì l’influsso che i «discorsi della giustizia» hanno avuto sulle forme giuridiche, politiche, istituzionali del fascismo. Dall’istituzione del Tribunale speciale per la difesa dello Stato al ruolo della magistratura, dai...

Vieni via con me

Vieni via con me

Autore: Roberto Saviano ,

Numero di pagine: 160

Il mancato riconoscimento del valore dell'Unità nazionale, il subdolo meccanismo della macchina del fango, l'espansione della criminalità organizzata al Nord, l'infinita emergenza rifiuti a Napoli, le troppe tragedie annunciate. Accanto alla denuncia c'è anche il racconto – commosso e ammirato – di vite vissute con onestà e coraggio: la sfida senz'armi di don Giacomo Panizza alla 'ndrangheta calabrese, la lotta di Piergiorgio Welby in nome della vita e del diritto, la difesa della Costituzione di Piero Calamandrei. Esempi su cui possiamo ancora contare per risollevarci e costruire un'Italia diversa.Ideato e condotto da Roberto Saviano e Fabio Fazio, Vieni via con me è stato l'evento televisivo dell'anno, più seguito delle partite di Champions League e dei reality show. Ora Vieni via con me è un libro che rende di nuovo accessibili al pubblico queste storie in una forma ampiamente rivista e arricchita. Facendole diventare, ancora una volta, storie di tutti.Vai al sito ufficiale del libro e invia a Roberto la tua lista di cose per cui vale la pena vivereIl booktrailer da You Tube

Opere giuridiche – Volume I

Opere giuridiche – Volume I

Autore: Piero Calamandrei ,

Numero di pagine: 724

Il primo volume delle opere giuridiche di Piero Calamandrei contiene oltre trenta suoi scritti fra cui “La genesi logica della sentenza civile”, “La sentenza soggettivamente complessa”, “Linee fondamentali del processo civile inquisitorio”, “Il giudice e lo storico”, “Il processo come giuoco”, “Processo e democrazia”.

Del merito e delle ricompense Trattato storico e filosofico di Melchiorre Gioja ... Tomo primo [-secondo!

Del merito e delle ricompense Trattato storico e filosofico di Melchiorre Gioja ... Tomo primo [-secondo!

Numero di pagine: 324
IMPUNITOPOLI SECONDA PARTE

IMPUNITOPOLI SECONDA PARTE

Autore: Antonio Giangrande ,

Numero di pagine: 534

E’ comodo definirsi scrittori da parte di chi non ha arte né parte. I letterati, che non siano poeti, cioè scrittori stringati, si dividono in narratori e saggisti. E’ facile scrivere “C’era una volta….” e parlare di cazzate con nomi di fantasia. In questo modo il successo è assicurato e non hai rompiballe che si sentono diffamati e che ti querelano e che, spesso, sono gli stessi che ti condannano. Meno facile è essere saggisti e scrivere “C’è adesso….” e parlare di cose reali con nomi e cognomi. Impossibile poi è essere saggisti e scrivere delle malefatte dei magistrati e del Potere in generale, che per logica ti perseguitano per farti cessare di scrivere. Devastante è farlo senza essere di sinistra. Quando si parla di veri scrittori ci si ricordi di Dante Alighieri e della fine che fece il primo saggista mondiale. Le vittime, vere o presunte, di soprusi, parlano solo di loro, inascoltati, pretendendo aiuto. Io da vittima non racconto di me e delle mie traversie. Ascoltato e seguito, parlo degli altri, vittime o carnefici, che l’aiuto cercato non lo concederanno mai. “Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia,...

Del merito e delle ricompense trattato storico e filosofico di Melchiorre Gioja

Del merito e delle ricompense trattato storico e filosofico di Melchiorre Gioja

Autore: Melchiorre Gioia ,

Numero di pagine: 310
Opere giuridiche – Volume VI

Opere giuridiche – Volume VI

Autore: Piero Calamandrei ,

Numero di pagine: 739

Il sesto volume delle Opere giuridiche di Piero Calamandrei è dedicato alla prima parte del suo ancora fondamentale lavoro sulla Cassazione civile, dove si analizza l’istituto nelle sue origini storiche e in comparazione con altri ordinamenti.

Mafia Egemone

Mafia Egemone

Autore: Elio Collovà ,

Numero di pagine: 230

Tenere gli occhi aperti, non dare nulla per scontato. Bisogna invece mettersi in gioco perché la malattia peggiore di oggi è la delega. Don Luigi Ciotti Politica e mafia sono due poteri che vivono sul controllo dello stesso territorio: o si fanno la guerra o si mettono d’accordo. Paolo Borsellino La mafia non è affatto invincibile; è un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio e avrà anche una fine. Piuttosto, bisogna rendersi conto che è un fenomeno terribilmente serio e molto grave; e che si può vincere non pretendendo l’eroismo da inermi cittadini, ma impegnando in questa battaglia tutte le forze migliori delle istituzioni. Giovanni Falcone Se non combatti per porre termine alla corruzione e al marciume, finirai col farne parte. Joan Baez Elio Collovà è nato a Palermo nell’anno 1945. Laureato in scienze politiche ha esercitato la professione di dottore commercialista dal 1979. Verso la metà degli anni ’80, si è appassionato alla materia giudiziaria divenendo ben presto consulente delle Procure della Repubblica quale esperto di economia criminale. Negli stessi anni, si è dedicato con impegno alla materia delle misure di prevenzione patrimoniale...

Opere giuridiche – Volume VIII

Opere giuridiche – Volume VIII

Autore: Piero Calamandrei ,

Numero di pagine: 561

Il volume contiene gli scritti di Piero Calamandrei che completano quello sulla Cassazione civile, ed in particolare quelli sugli errori in procedendo e in judicando e sui diversi mezzi di gravame.

Ben scavato vecchia talpa. Pier Luigi Zanchetta, il diritto, i diritti

Ben scavato vecchia talpa. Pier Luigi Zanchetta, il diritto, i diritti

Autore: AA. VV. ,

Numero di pagine: 274

1297.29

Il Caso Cardiologia

Il Caso Cardiologia

Autore: Maria Grazia Modena ,

Numero di pagine: 248

La protagonista del "Caso Cardiologia" di Modena si racconta. A oltre due anni dall'inizio della vicenda è ancora in attesa di essere giudicata, e dopo essere stata «calpestata moralmente e professionalmente» vuole fare conoscere la "sua" verità pubblicando documentazioni, e-mail, verbali, relazioni, articoli di giornali ecc. che riguardano il Caso.

ROMA ED IL LAZIO

ROMA ED IL LAZIO

Autore: Antonio Giangrande ,

E’ comodo definirsi scrittori da parte di chi non ha arte né parte. I letterati, che non siano poeti, cioè scrittori stringati, si dividono in narratori e saggisti. E’ facile scrivere “C’era una volta….” e parlare di cazzate con nomi di fantasia. In questo modo il successo è assicurato e non hai rompiballe che si sentono diffamati e che ti querelano e che, spesso, sono gli stessi che ti condannano. Meno facile è essere saggisti e scrivere “C’è adesso….” e parlare di cose reali con nomi e cognomi. Impossibile poi è essere saggisti e scrivere delle malefatte dei magistrati e del Potere in generale, che per logica ti perseguitano per farti cessare di scrivere. Devastante è farlo senza essere di sinistra. Quando si parla di veri scrittori ci si ricordi di Dante Alighieri e della fine che fece il primo saggista mondiale. Le vittime, vere o presunte, di soprusi, parlano solo di loro, inascoltati, pretendendo aiuto. Io da vittima non racconto di me e delle mie traversie. Ascoltato e seguito, parlo degli altri, vittime o carnefici, che l’aiuto cercato non lo concederanno mai. “Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia,...

Ultimi ebook e autori ricercati