Scarica Libri Gratuiti

Scarica libri ed ebooks (I migliori libri in formato PDF, EPUB, etc)

Cerca negli ebook:

Numero totale di libri trovati 40 per la tua ricerca. Scarica gli ebook e divertiti!
Territorio bene comune

Territorio bene comune

Autore: Mauro Giudice , Fabio Minucci ,

Numero di pagine: 136

La non completa attuazione della Costituzione è il punto di partenza per consolidare la consapevolezza che il territorio costituisce un fondamentale bene comune. Per far ciò non bisogna limitarsi agli aspetti esclusivamente tecnici e giuridici del problema, ma integrare diversi e distanti contenuti e problematiche per realizzare strumenti più adatti per un efficace governo del territorio. Ne conseguono due esigenze da affrontare urgentemente: la prima indirizzata alla costruzione di nuovi strumenti di governo del territorio, la seconda legata alla professione del pianificatore in modo da poter ridefinire l’attuale piano (fondato sulle quantità dello sviluppo edilizio), per costruire un percorso in grado di integrarle con la qualità degli interventi, fondato sulla condivisione delle scelte e sulla definizione di strumenti in grado di supportare tale percorso. Il volume, analizzando i limiti e le esigenze della situazione attuale, avanza la proposta – anche sotto l’aspetto tecnico – di un nuovo strumento di governance che sappia rispondere adeguatamente alle esigenze di una società in continua e sempre più rapida evoluzione per effetto di una competizione su scala...

Costituzione incompiuta

Costituzione incompiuta

Autore: Salvatore Settis , Tomaso Montanari , Alice Leone , Paolo Maddalena ,

Numero di pagine: 192

Qual è il progetto della Costituzione sul patrimonio artistico, sul paesaggio e sull'ambiente? Come è nato l'articolo 9, che incardina quel progetto tra i principî fondamentali della Nazione? E perché quel progetto, mai realizzato, è oggi cosí attuale? Una riflessione a piú voci sulla funzione civile e sul valore politico di questi nostri beni comuni. Per essere davvero cittadini sovrani, per attuare pienamente la Costituzione, «la grande incompiuta» (Calamandrei).

Cartografie sociali

Cartografie sociali

Autore: Aa. Vv. ,

Numero di pagine: 256

Rivista di sociologia e scienze umane Anno I, n. I, Maggio 2016Passaggio a sud Patrimoni, territori, economie

La funzione moderna dell'arte. Estetica delle arti visive nella modernità

La funzione moderna dell'arte. Estetica delle arti visive nella modernità

Autore: Dario Evola ,

Numero di pagine: 256
Le pietre e il popolo

Le pietre e il popolo

Autore: Tomaso Montanari ,

Numero di pagine: 140

Perché il valore civico dei monumenti è stato negato a favore del loro potenziale turistico, e quindi economico? Perché la «valorizzazione» del patrimonio culturale ci ha indotti a trasformare le nostre città storiche in «luna park» gestiti da avidi usufruttuari? Lo storico dell’arte Tomaso Montanari ci accompagna in una visita critica del nostro paese: dallo showroom Venezia, a una Roma dove si delira di piste di sci al Circo Massimo, a una Firenze dove si affittano gli Uffizi per sfilate di moda e si traforano gli affreschi di Vasari alla ricerca di un Leonardo inesistente, a una Napoli dove si progettano megaeventi mentre le chiese crollano e le biblioteche vengono razziate, all’Aquila che giace ancora in rovina mentre i cittadini sono deportati nelle new town, scopriamo che l’idea stessa di comunità è stata corrotta da una nuova politica che ci vuole non cittadini partecipi ma consumatori passivi. Le pietre e il popolo non è solo un durissimo pamphlet contro la retorica del Bello che copre lo sfruttamento delle città d’arte, ma è un manuale di resistenza capace di ricordarci che la funzione civile del patrimonio storico e artistico è uno dei principi...

Futuro del classico

Futuro del "classico"

Autore: Salvatore Settis ,

Numero di pagine: 127

Come mai l'eroina di un famoso manga giapponese si chiama Nausicaa? Perché, dopo l'11 settembre 2001, il mullah Omar paragonava l'America a Polifemo, 'un gigante accecato da un nemico a cui non sa dare un nome', da un Nessuno? Dobbiamo davvero sbalordirci di queste citazioni - ritenendo Omero piú 'nostro' che dei giapponesi o dei musulmani - o non dovremmo piuttosto riflettere su quanto siano intense ed efficaci citazioni che vengono da cosí lontano? Salvatore Settis ripercorre all'indietro quei sentieri della storia dell'arte che dai grattacieli postmoderni americani corrono fino ai Greci e ai Romani, per mostrare come è mutata nei secoli l'idea di 'classico', in un serrato confronto fra Antichi e 'moderni' sempre giocato in funzione del presente - uno scontro fra opposte interpretazioni, non solo del passato, ma del futuro. Nessuna civiltà può pensare se stessa se non dispone di altre società che servano da termine di comparazione - un altrove nel tempo (Greci e Romani) cosí come un altrove nello spazio (le civiltà extraeuropee). Quanto piú sapremo guardare al 'classico' non come una morta eredità che ci appartiene senza nostro merito, ma come qualcosa di sorprendente ...

Lorenzo Lotto. Il richiamo delle Marche. Luoghi, tempi e persone. Ediz. a colori

Lorenzo Lotto. Il richiamo delle Marche. Luoghi, tempi e persone. Ediz. a colori

Autore: Enrico Dal Pozzolo ,

Numero di pagine: 293
Questo (non) è un paesaggio

Questo (non) è un paesaggio

Autore: Silvana Kühtz , Francesco Marano ,

Numero di pagine: 240

Che cos’è un paesaggio? Studiosi di diverse discipline e artisti intervengono sul complesso tema del paesaggio proponendo approcci di ricerca e definizioni del concetto. L’evento che ha ospitato le conversazioni e le performance è stato il convegno “Questo (non) è un paesaggio” organizzato a Matera dal Dipartimento delle Culture Europee e del Mediterraneo dell’Università della Basilicata nel maggio 2014. Con i contributi di Franco Arminio, Carlo Bruni, Sergio Camplone, Nicola Capone, Tiziana Cardinale, Leonardo Chiesi,Emmanuele Curti, Sante Cutecchia, Nicola Di Croce, Patrizia Di Franco, Federico Faloppa, Michela Frontino, Silvana Kühtz, Franco Lai, Francesco Marano, Gaetano Morese, Thomas j. Puleo, Vita Santoro, Antonella Tarpino, Pancrazio Toscano, Ettore Vadini.

Sin imagen

Arte nel tempo. Ediz. blu. Per le Scuole superiori

Autore: Pierluigi De Vecchi , Elda Cerchiari ,

Numero di pagine: 836
L'aria della libertà. L'Italia di Piero Calamandrei. Ediz. illustrata

L'aria della libertà. L'Italia di Piero Calamandrei. Ediz. illustrata

Autore: Nino Criscenti , Tomaso Montanari ,

Numero di pagine: 138
Se Venezia muore

Se Venezia muore

Autore: Salvatore Settis ,

Numero di pagine: 168

Le città storiche sono insidiate dalla resa a una falsa modernità, dallo spopolamento, dall'oblio di sé. Di questa minaccia, e dei rimedi possibili, Venezia è supremo esempio. Dobbiamo ritrovarne l'anima, rivendicare il diritto alla città.

Istruzioni per l'uso del futuro. Il patrimonio culturale e la democrazia che verrà

Istruzioni per l'uso del futuro. Il patrimonio culturale e la democrazia che verrà

Autore: Tomaso Montanari ,

Numero di pagine: 140

Come si impara a essere cittadini italiani? Sono fondamentali la famiglia, la scuola; ma da millenni c’è qualcos’altro che ci educa a essere quello che siamo, che ci lega al nostro passato e ci fa immaginare il nostro destino: questa cosa si chiama «patrimonio culturale». Ne fanno parte le opere d’arte, i libri, i palazzi, i reperti archeologici... Chi non se ne rende conto e definisce i beni culturali «il petrolio d’Italia», considerandoli un repertorio di oggetti da affittare al magnate di turno o da svendere nell’ennesima mostra-evento, è un nostro nemico: ci sta togliendo un bene primario come l’aria, ci sta privando di un nostro diritto fondamentale come la salute o l’istruzione. Per questo, dopo aver indagato i disastri della politica culturale italiana nelle Pietre e il popolo, Tomaso Montanari scrive un libro ancora più affilato: un pamphlet per invitarci a una vera rivoluzione non soltanto contro chi saccheggia le biblioteche o deturpa il paesaggio, ma contro chi non educa all’amore per la bellezza. Istruzioni per l’uso del futuro è un piccolo alfabeto civile: ventuno voci che ci mostrano come per trasformare un paese non bastano le nostalgie o...

Cieli d'Europa

Cieli d'Europa

Autore: Salvatore Settis ,

Numero di pagine: 192

«Provavano la sofferenza profonda di tutti i prigionieri e di tutti gli esiliati: quella di vivere con una memoria che non serve a niente» si legge nella Peste di Camus. E forse proprio in Europa si consuma oggi questa maledizione: colpisce i milioni di europei “prigionieri” di una crisi che sembra senza fine e senza nome, e si ripercuote sui milioni di “esiliati” che migrano attraverso un continente le cui rovine non sembrano più utili a nessuno. Se ci fermiamo a pensare, infatti, il degrado dei monumenti e dei paesaggi, il declino delle città storiche e il diffondersi dei ghetti urbani si rivelano come i diversi segnali di una crisi non solo economica e politica, ma culturale: il patrimonio che ci circonda non è più un serbatoio di memoria ed energia civile, ma viene sfruttato solo in ottica turistica, ridotto a brand da un’Europa schiava dei Trattati e della Troika, schiacciata sull’eterno presente dei mercati. Per invertire la rotta non basta appellarsi a un generico recupero della tradizione umanistica e a una nuova centralità della cultura, perché occorre chiedersi: quale tradizione? E quale idea di cultura? Per rispondere a queste domande Salvatore...

Paesaggio Costituzione cemento. La battaglia per l'ambiente contro il degrado civile

Paesaggio Costituzione cemento. La battaglia per l'ambiente contro il degrado civile

Autore: Salvatore Settis ,

Numero di pagine: 344
Cassandra muta

Cassandra muta

Autore: Tomaso Montanari ,

Numero di pagine: 126

Quando Cassandra parla, dice la verità: ma è giudicata un intralcio, una «sacerdotessa del no». Quando Cassandra tace è perché sta sul carro del potere: e poco cambia che ci sia salita volontariamente, o che ci sia stata tradotta in catene. Il risultato è lo stesso: il tradimento degli intellettuali, e cioè il silenzio della critica. Lo vediamo ogni giorno: nel conformismo dei giornali e dell’università, nella trasformazione della cultura in intrattenimento, nello svuotamento della scuola. Ma costruire una società critica, una società del dissenso, è la condizione vitale per il futuro della democrazia.

Sin imagen

Storia e storiografia

Autore: Antonio Desideri , Mario Themelly , Antonio Pantanelli , Margheriita Platania ,

Numero di pagine: 104
Il mistero delle cose

Il mistero delle cose

Autore: Massimo Recalcati ,

Numero di pagine: 272

Nella ricerca di Massimo Recalcati nei territori della psiche, da decenni l’arte occupa un posto centrale. È a essa, e in particolare alla pittura, che Recalcati torna continuamente, immergendosi nella profondità della dimensione creativa per mettere alla prova e temprare gli strumenti teorici della psicanalisi lacaniana. Questo interesse e questo lavoro hanno portato anche ad alcuni episodi editoriali come il suo libro su Van Gogh ("Melanconia e creazione in Vincent Van Gogh"), ma il folto pubblico di lettori che ha scoperto Recalcati negli ultimi anni, grazie all’enorme successo di "Il complesso di Telemaco", "L’ora di lezione" e "Le mani della madr"e, non conosce questo lato della sua identità intellettuale. In questo libro, che avrà un formato e un prezzo molto diversi dai precedenti e si presenta come una vera e propria strenna, Recalcati offre al grande pubblico una serie di studi sulla pittura italiana contemporanea, mettendo a punto una riflessione lunga tutta la vita. Da Giorgio Morandi a Giovanni Frangi, da Emilio Vedova a Jannis Kounellis, Recalcati guida i suoi lettori in una ideale galleria del Novecento italiano, facendo emergere significati nascosti,...

SCUOLOPOLI

SCUOLOPOLI

Autore: Antonio Giangrande ,

E’ comodo definirsi scrittori da parte di chi non ha arte né parte. I letterati, che non siano poeti, cioè scrittori stringati, si dividono in narratori e saggisti. E’ facile scrivere “C’era una volta….” e parlare di cazzate con nomi di fantasia. In questo modo il successo è assicurato e non hai rompiballe che si sentono diffamati e che ti querelano e che, spesso, sono gli stessi che ti condannano. Meno facile è essere saggisti e scrivere “C’è adesso….” e parlare di cose reali con nomi e cognomi. Impossibile poi è essere saggisti e scrivere delle malefatte dei magistrati e del Potere in generale, che per logica ti perseguitano per farti cessare di scrivere. Devastante è farlo senza essere di sinistra. Quando si parla di veri scrittori ci si ricordi di Dante Alighieri e della fine che fece il primo saggista mondiale. Le vittime, vere o presunte, di soprusi, parlano solo di loro, inascoltati, pretendendo aiuto. Io da vittima non racconto di me e delle mie traversie. Ascoltato e seguito, parlo degli altri, vittime o carnefici, che l’aiuto cercato non lo concederanno mai. “Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia,...

Patrimonio culturale

Patrimonio culturale

Autore: Tomaso Montanari , Corriere della Sera ,

Numero di pagine: 50

Conservare il patrimonio culturale non significa archiviarlo in magazzini e depositi né farne redditizio spettacolo, ma mantenerlo vivo e difenderlo. Anzi, tutelarlo: dall’oblio del tempo, dagli usi impropri ma anche dai nostri stessi errori. E il miglior modo per tutelarlo non è chiuderlo nel recinto di una mostra o di un museo e guardarlo da lontano bensì viverci in mezzo, farne parte e apprenderne il linguaggio così come si apprende la lingua del Paese di cui si è cittadini. È proprio partendo dalla Costituzione della Repubblica che Tomaso Montanari ripercorre, in forma di dizionario semplice e chiaro, i princìpi fondamentali che fanno dell'arte e del paesaggio italiani le leve più potenti per «rimuovere gli ostacoli all'eguaglianza» e permettere il «pieno sviluppo della persona umana». Ventuno voci in ordine alfabetico fotografano la situazione attuale, la confrontano con quanto i padri costituenti e la tradizione storica avevano prospettato per gli anni a venire, e propongono una visione per recuperare i ruoli e le azioni degli operatori dei Beni culturali, sia dal punto di vista delle competenze sia dal punto di vista del valore etico ed economico.

Architettura e democrazia

Architettura e democrazia

Autore: Salvatore Settis ,

Numero di pagine: 176

Città e paesaggio incarnano valori collettivi essenziali per la democrazia. Formano un orizzonte di diritti a cui deve rispondere la responsabilità dell'architetto, perché il suo lavoro incide sull'ambiente e sul tessuto urbano, determina la qualità della vita quotidiana, modifica le dinamiche della società.

Ultimi ebook e autori ricercati