Scarica Libri Gratuiti

Scarica libri ed ebooks (I migliori libri in formato PDF, EPUB, etc)

Cerca negli ebook:

Numero totale di libri trovati 40 per la tua ricerca. Scarica gli ebook e divertiti!
Metafisica

Metafisica

Autore: Achille C. Varzi

Numero di pagine: 548

Esistenza, identità, persistenza, modalità, proprietà, casualità: articolati in sei sezioni tematiche, questo volume raccoglie i testi più significativi e influenti che la filosofia di orientamento analitico ha dedicato ai temi centrali della metafisica, da indiscutibili classici del pensiero novecentesco, come Moore, Russell, Carnap e Quine, ad autori più noti per i loro apporti nei campi della logica e della filosofia del linguaggio, come Davidson, Dummett, Putnam, Kripke e Lewis, fino alle voci più recenti e tuttora in prima linea nel dibattito filosofico internazionale. Testi di Armstrong, Black, Carnap, Chisholm, Davidson, Ducasse, Dummett, Evans, Geach, Kripke, Lewis, Lowe, Mellor, Moore, Putnam, Quine, Russell, Ryle, Sellars, Sider, Stalnaker, Strawson, Wiggins, Williams

Eseguire l’inatteso. Ontologia della musica e improvvisazione

Eseguire l’inatteso. Ontologia della musica e improvvisazione

Autore: Alessandro Bertinetto

L'improvvisazione musicale è un processo in cui invenzione ed esecuzione coincidono. Questo libro ne spiega l'ontologia, esaminandone le proprietà e gli aspetti teorici. La tesi proposta, entrando nel vivo del dibattito filosofico e musicologico, è che attraverso l'improvvisazione si possa riconfigurare l'ontologia della musica, rendendola coerente con le pratiche artistiche e la loro esperienza estetica. Eseguendo l'inatteso, l'improvvisazione ci fa ascoltare l'inaudita bellezza della musica.

Sulla pluralità dei mondi

Sulla pluralità dei mondi

Autore: David K. Lewis

In questo libro David K. Lewis, tra i maggiori filosofi analitici del Novecento, scende in campo in difesa del realismo modale. L’autore introduce innanzitutto la tesi della pluralità dei mondi e analizza diverse nozioni filosofiche in termini di mondi e dei relativi abitanti. La difende da diverse obiezioni e offre un’analisi di ciò che è necessario e ciò che è possibile. Confronta poi il realismo modale con alcune importanti tesi rivali riguardo la natura dei mondi possibili: in particolare il “realismo modale ersatz”, o la tesi per cui i mondi possibili e i loro abitanti non sono che rappresentazioni astratte. Lewis mostra come non ci sia alcun modo di articolare questa idea intuitiva in una tesi rigorosa e fruttuosa come il realismo modale. Da ultimo Lewis si occupa dell’identità attraverso i mondi, difendendo la sua famosa teoria delle controparti. Introduzione di Andrea Oliani.

La Filosofia dopo le filosofie

La Filosofia dopo le "filosofie"

Autore: Samuele Francesco Tadini

Che differenza c’è tra la Filosofia (volutamente scritta con la F maiuscola) e le “filosofie” (intese come forme di “pensiero opinabile” non necessariamente o non volutamente fondanti o fondative)? Perché l’opzione rosminiana risulta fondamentale per la nostra contemporaneità, sebbene risulti marginalizzata? Perché la nostra contemporaneità è vittima della “normalizzazione dell’assurdo”? Perché si mettono in dubbio valori morali fondamentali alla luce di una pretesa concezione del pensiero e della libertà lontana dalla Verità? Perché occorre un autentico rinnovamento metafisico capace di determinare una rinascita dell’Occidente? Questi sono solo alcuni dei temi che si sono dibattuti nel corso del primo convegno fi losofico promosso dalla Fondazione “Paola Angela Ruminelli”, tenutosi il 26 e il 27 ottobre 2018 a Domodossola.

Organizzare la conoscenza. Dalle biblioteche all'architettura dell'informazione per il Web

Organizzare la conoscenza. Dalle biblioteche all'architettura dell'informazione per il Web

Autore: Claudio Gnoli , Vittorio Marino , Luca Rosati

Numero di pagine: 211
Metafisica, persona, cristianesimo

Metafisica, persona, cristianesimo

Autore: Giuseppe Ludovico Goisis , Marco Ivaldo , Gaspare Mura

Numero di pagine: 602
Semplicità insormontabili

Semplicità insormontabili

Autore: Roberto Casati , Achille C. Varzi

Numero di pagine: 198

Una gioia dell'intelligenza. Piero Bianucci, "La Stampa" Un viaggio in 'mondi rovesciati' capaci di illuminare la realtà che ci è familiare. Armando Massarenti, "Il Sole 24 Ore" Un'acuta disamina dei problemi più attuali della filosofia. Edoardo Boncinelli, "Corriere della Sera" Le storie di Casati e Varzi ci aiutano a vedere che la metafisica si nasconde nei dettagli e non in qualche mondo iperuranio. Maurizio Ferraris, "il manifesto" Roberto Casati e Achille Varzi sono collezionisti di quei punti in cui il mondo pare mostrare il suo rovescio. Stefano Bartezzaghi, "Il Venerdì di Repubblica"

Il mondo messo a fuoco

Il mondo messo a fuoco

Autore: Achille Varzi

Numero di pagine: 216

Prima o poi viene il momento di inforcare gli occhiali: per non pensare che nel mondo ci sia solo quello che riusciamo a immaginarci, e per non illuderci che ci sia tutto quello che ci immaginiamo noi. All'inizio c'è il mondo. Non è tutto uguale: qui è caldo, lì è madre, là è rumore. Ben presto cominciamo a distinguere e a riconoscere: di nuovo caldo, ancora madre, altro rumore! Ciononostante, tutte queste cose appaiono inizialmente del medesimo conio, mere porzioni di quel tutto che è. Solo col trascorrere del tempo questo tutto si veste di forme: gli oggetti si staccano dallo sfondo e acquistano una loro individualità; le sensazioni acquisiscono contorni definiti; i rumori cambiano a seconda delle cose che ci circondano. Cominciamo a fare e a prevedere. Cominciamo a dare nomi, a usare verbi, a dipingere aggettivi. Questo nostro meraviglioso evolverci è materia di studio per gli psicologi e i biologi, ed eventualmente per i sociologi. Ma per il filosofo esso è soprattutto fonte di un'ambiguità profonda e ancora più misteriosa, diciamo pure di un dilemma: stiamo imparando a riconoscere la struttura del mondo o stiamo imponendo al mondo una certa struttura? È la...

Uscire dal vago

Uscire dal vago

Autore: Sabrina Machetti

Numero di pagine: 124

In generale, anche nel mondo delle scienze fisiche l’esattezza delle misurazioni è l’arte delle circostanziate, precise approssimazioni: approssimazioni entro limiti ben definiti e possibilmente ben calcolabili. Si capisce dunque che un periplo intorno alla nozione espressa dalle parole vago e vaghezza ci deve portare lontano. Questo libro lo sa e propone di fare chiarezza. L’autrice distingue in modo convincente l’ambiguità, che può sciogliersi, dalla vaghezza, che è insita in ogni parola e segno linguistico: nel significato, finché la parola non venga definita esplicitamente per una parte dei suoi usi specialistici o non venga calata in un contesto particolare che ne restringa la potenziale vaghezza; e nella sua stessa forma significante, anch’essa soggetta a novità e spostamenti anch’essi vaghi. Dalla Prefazione di Tullio De Mauro

Il senso della possibilità

Il senso della possibilità

Autore: Salvatore Veca (a cura di)

Numero di pagine: 240

Questo libro è un elogio della libertà di esplorare mondi possibili. Essere aperti al mondo significa trovarsi nella condizione di sperimentare costantemente una molteplicità infinita di incontri possibili con il mondo stesso e scoprire, al contempo, il valore inestimabile della sua incompletezza. Sono due le figure che fanno da guida lungo questo percorso alla scoperta del senso della possibilità: l’esploratore di connessioni e il coltivatore di memorie. Il primo va alla ricerca di verità e di validità e s’imbatte in un ventaglio di alternative, mentre il secondo ha lo sguardo rivolto al passato, repertorio sconfinato di possibilità. La tensione tra queste due figure spalanca una consapevolezza: l’utopia è un mondo sociale possibile, costruito con i materiali del mondo attuale. “I frammenti di un discorso utopico ci invitano a esplorare lo spazio delle possibilità, entro i confini che il mondo ci concede.” In un confronto serrato con i più grandi pensatori della filosofia occidentale, Veca dimostra che il senso della possibilità si nutre di incertezza e di incompletezza e si oppone a ogni dittatura del presente, tutelando invece lo spazio per gli esercizi...

Finzioni

Finzioni

Autore: Alberto Voltolini

Numero di pagine: 196

Cosa significa far finta? Esistono davvero Anna Karenina e Gatto Silvestro? Una guida alla finzione, come concetto e come pratica. Un'indagine sul far finta e i suoi oggetti e su chi fa finta per piacere o per mestiere.

Santi Romano ontologo del diritto

Santi Romano ontologo del diritto

Autore: Alessandro Olivari

Numero di pagine: 214

Nell’opera postuma Frammenti di un dizionario giuridico (1947) il celebre giurista Santi Romano [1875-1947] esplora originalmente l’ontologia spontanea del diritto indagando la natura delle entità che ricadono nell’ambito di quella “strana realtà, che sembra spettrale, che è il diritto”. Nella voce Realtà giuridica, alla domanda kantiana “Che cos’è il diritto?” (Quid jus?), Romano accosta un’ulteriore e fondamentale domanda “Che cosa v’è nel diritto?” (Quid in jure?), oltrepassando l’ontologia del giuridico e indagando l’ontologia nel giuridico. La risposta, che trascende sia la teoria delle norme sia la stessa teoria delle istituzioni, offre un suggestivo catalogo delle entità giuridiche che compongono la peculiare realtà del diritto. L’analisi di Alessandro Olivari, che prende le mosse dalle ricerche di Romano, è condotta alla luce degli studi di ontologia sociale e consta di tre parti. La prima parte presenta cinque ricerche compiute da: A. Reinach, Cz. Znamierowski, K. Olivecrona, A.F. Ferrari, M.S. Moore. La seconda parte analizza la struttura della realtà giuridica mediante tre paradigmi concettuali: realtà giuridica vs. realtà...

Ontologia

Ontologia

Autore: Achille C. Varzi

Numero di pagine: 160

Si è soliti identificare l'ontologia con quel ramo della filosofia che nasce dalla domanda: «Che cosa esiste?». E si è soliti precisare che questa domanda ammette due tipi di risposta.La prima risposta è facile, per non dire banale, e si può riassumere in un'unica parola: «Tutto». Ma asserire che tutto esiste è tautologico, cioè privo di contenuto, quindi privo d'interesse.Quando in filosofia ci si domanda che cosa esiste si mira piuttosto a fornire una caratterizzazione dettagliata di questo tutto, ossia a specificare quali entità vi rientrino, o almeno quali tipi di entità. Si mira, cioè, a redigere quello che si potrebbe chiamare un «inventario completo» del tutto. Questo ci porta al secondo tipo di risposta, in merito alla quale filosofi di orientamento diverso hanno manifestato opinioni anche molto divergenti. Il libro ricostruisce le posizioni principali, gli argomenti offerti a loro sostegno e le metodologie su cui riposano.

Dalla Fisica Alla Metafisica

Dalla Fisica Alla Metafisica

Autore: Alessia Mattacchioni

La fisica, nata nel Seicento e cresciuta esponenzialmente, ha vissuto una crisi nel primo Novecento, per poi risorgere, impetuosa, a seguito dell’affermarsi di una nuova visione. Quella quantistica. Dalla Fisica alla Metafisica ripercorre questa frenesia. Come fosse stata un attimo. Conduce il lettore dentro argomenti diversi, ma viaggiando spedito, tanto che, a volte, può sembrare di perdere l’equilibrio. Un libro di filosofia della scienza, sì, ma un libro ispirato. Leggendo, traspare la passione dell’autrice per la fisica, i suoi studi, il desiderio e l’inclinazione a trascendere l’oggetto di indagine per giungere a pensieri sfumati, sfuggenti, dove la razionalità si perde in una sorta di tensione alla comprensione totale dell’esistente. Un tentativo che conduce Alessia Mattacchioni dritta tra le braccia di filosofia e arte. Grazie anche al pensiero di coloro che, biograficamente, fecero la cronaca o prepararono il retroterra di momenti cruciali, quelli in cui l’umanità svoltò nella conoscenza.

Documentalità

Documentalità

Autore: Maurizio Ferraris

Numero di pagine: 448

Una società priva di memoriae di registrazioni è inimmaginabile, poiché ogni ruolo e ogni accordo poggia sullamemoria, e ogni comportamento sull'imitazione: ecco perchégli archivi e i documenti sono centrali nella vita della società e dei singoli. La centralità della ‘documentalità' è ancor più evidente di fronte ai fenomeni macroscopici degli ultimi anni: l'esplosione dei sistemi di registrazione e di scrittura, dai computer ai telefonini al web, che non solo hanno trasformato la nostra quotidianità, ma che hanno anche messo in luce l'essenza della realtà sociale, il fatto cioè di basarsi in modo non accidentale, ma essenziale, su iscrizioni e registrazioni.

Vaghezza

Vaghezza

Autore: Sebastiano Moruzzi

Numero di pagine: 196

Qual è la natura della vaghezza? È un aspetto della comunicazione linguistica, della conoscenza della realtà, o parte della realtà stessa? In queste pagine una chiara introduzione alle contraddizioni, le stranezze e i rompicapo di cosa è vago. Appendici on-line collegate nell'epub

La conoscenza dell’invisibile

La conoscenza dell’invisibile

Autore: Evandro Agazzi

La razionalità umana si rivela nel richiedere il perché di quanto consta e si articola in due tipi di ricerca, quella del fondamento e quella del senso. La prima spinge ad interpretare e spiegare i fatti attestati nelle diverse forme di esperienza e a tal fine ipotizza vari tipi di realtà invisibili la cui esistenza spieghi causalmente quanto accade. Questa razionalità è operante nelle scienze e nella metafisica (come si mostra specialmente nei primi otto capitoli). La ricerca sul senso si riassume nell’aspirazione a dare un valore positivo alla propria esistenza. Anche in questo caso esistono esperienze di tipo interiore, come quelle del senso estetico, della coscienza morale, del sentimento religioso e dell’orientamento globale della nostra vita, che spingono la ragione a impegnarsi nella ricerca di dimensioni invisibili del reale che possano fornire una risposta positiva alla ricerca del senso. A queste tematiche sono dedicati specialmente gli ultimi dieci capitoli.

Il soggetto e la regola. Problemi dell'individuazione in sociologia

Il soggetto e la regola. Problemi dell'individuazione in sociologia

Autore: Enzo Campelli

Numero di pagine: 161

1315.16

L'esistenza non è logica

L'esistenza non è logica

Autore: Francesco Berto

Numero di pagine: 321

Quando limmaginazione supera la logica, anche limpossibile è permeabile al pensiero.Fin dalle sue origini, la filosofia ha coltivato lidea che lesistenza sia riducibile al pensiero logico, mentre il non-essere resta inconoscibile e impensabile. Non così per Francesco Berto: certe cose non esistono proprio, eppure possiamo riferirci ad esse, conoscerle e descriverle. Le storie di Sir Arthur Conan Doyle parlano del detective Sherlock Holmes, e Il signore degli anelli di Tolkien parla di Gandalf. Naturalmente, nelle storie che li descrivono, il detective e lo stregone hanno laria di essere molto, molto esistenti, mentre nel nostro mondo reale essi, semplicemente, non hanno lessere, non sono. E a non esistere non sono solo le cose che popolano il mondo letterario. Molte altre cose, pur essendo esistite in passato, ora non esistono più: Giulio Cesare, Leonardo da Vinci, Napoleone, George Washington, Michael Jackson, tutti i nostri cari estinti. Altre cose non solo non esistono, ma neppure potrebbero esistere un cerchio quadrato, o la violazione di una legge logica fondamentale eppure, perfino in questo caso limpossibile è tutto da esplorare. Questo libro ci guida in un viaggio...

Ontologia relazionale. Ricerche sulla filosofia classica tedesca

Ontologia relazionale. Ricerche sulla filosofia classica tedesca

Autore: Antonio Carrano , Marco Ivaldo

Numero di pagine: 156

[Italiano]:The volume contains the proceedings of the conference on the subject of relational ontology, which involved a group of scholars of classical German philosophy with the aim of explaining the reasons, drawing inspiration and categories from the ideal and conceptual constellation of that age of culture. The idea from which they make the contributions is that for relational ontology we can understand a theory on the structure of reality (onto-logic), attentive to the development of the explanatory and normative potential of the category of reciprocity. The contributions thus define a path that, starting from Kant and the question of a unity and duplicity of the ego, passing through the consideration of the Fichtian relational ontology and the idea of a constitution of identity responding to the appeal from the other (on this theme a dialogue Ricoeur / Fichte is also staged), it touches on the notion of natural law of Schelling, to arrive at the Hegelian construction of an ontology and logic of the relationship, which can be found in the very notion of civil society, and finally to reading in a 'materialistic' key of Kantian transcendental idealism, in relation to the notion ...

Margini della filosofia contemporanea

Margini della filosofia contemporanea

Autore: Attilio Bruzzone , Paolo Vignola

Numero di pagine: 140

I 29 testi proposti in questo volume descrivono teorie, problemi, autori e discipline ritenuti esterni o marginali rispetto ai logoi e topoi ufficiali della filosofia novecentesca. In quest’ottica, la raccolta di saggi, che presenta un'esposizione decentrata e rizomatica del dibattito filosofico da Nietzsche ad oggi, ha innanzitutto l’obiettivo di fornire uno strumento euristico affermativo, in grado di evidenziare come i margini disciplinari, stilistici e contenutistici rispetto all’idea che la filosofia si è costruita di se stessa abbiano in realtà contribuito essenzialmente alla crescita concettuale, metodologica ed espressiva del pensiero contemporaneo. La categoria del margine si configura quindi come nuovo centro plurale e provvisorio di una filosofia scevra da presunzioni totalizzanti e depurata da pregiudizi snobistici e tentazioni isolazionistiche, che non hanno più senso di essere in un mondo complesso, contraddittorio e frammentato come quello uscito dalla modernità, in cui sacro e profano sembrano fondersi in un’unione indifferenziata. Il margine assume i contorni più indefiniti e revocabili della categoria euristica, che non si lascia tuttavia inglobare...

I colori del bene

I colori del bene

Autore: Achille Varzi

Numero di pagine: 114

La filosofia è sempre stata coinvolta nella responsabilità di un autentico “vivere bene”. Lo ricordava già Seneca a Meneceo. Al di là delle differenze derivanti dalla dimensione non semplicemente individualistica, ma etica e politica del vivere, noi contemporanei ci sentiamo chiamati a stabilire la possibilità di una “globalizzazione” del bene. Per uscire dalle strettoie del senso unicamente negativo, che al soggettivismo si può dare in questo campo, è richiesta la disponibilità ad accettare un mondo “policromo” di valori. Pertanto, muovendo dal pluralismo estetico e procedendo con rigorose argomentazioni, ci si sforza di dimostrare come solo una difesa adeguata del pluralismo etico possa tentare di dare soluzione al dilemma sull’oggettività o convenzionalità del bene.

Ultimi ebook e autori ricercati