Scarica Libri Gratuiti

Scarica libri ed ebooks (I migliori libri in formato PDF, EPUB, etc)

Cerca negli ebook:

Numero totale di libri trovati 38 per la tua ricerca. Scarica gli ebook e divertiti!
La legge della fiducia

La legge della fiducia

Autore: Tommaso Greco

Numero di pagine: 192

Gli uomini sono tutti 'rei', ovvero malvagi e dediti alla sopraffazione e al proprio interesse? È sempre e comunque indispensabile pensare al diritto come strumento di coercizione e di pena per reprimere queste tendenze innate? Oppure il diritto mette necessariamente in gioco anche le nostre risorse relazionali: la solidarietà e la cooperazione, in altre parole la fiducia reciproca? Riscoprire lo spazio della fiducia nel diritto non è solo un modo per mettere in primo piano la responsabilità di chi agisce e di chi fa cultura giuridica, ma è anche l'unica via per riportare al centro del nostro discorso giuridico le qualità migliori di cui siamo in possesso.

Il costituzionalismo moderno può sopravvivere?

Il costituzionalismo moderno può sopravvivere?

Autore: Gaetano Azzariti

Numero di pagine: 216

Tanto i processi di mondializzazione del diritto quanto la mutazione dei presupposti del costituzionalismo nazionale, rendono sempre più complesso far valere la ‘superiorità' dei principi presenti nelle costituzioni nazionali, determinando una progressiva e apparentemente inarrestabile caduta della loro forza prescrittiva. Il diritto costituzionale, perduta la sua vitalità originaria, si mostra così un diritto debole.Ma un'altra ragione spiega la crisi odierna. Il costituzionalismo si è affermato nel corso della storia della modernità in quanto mezzo per la realizzazione dei diritti. Inevitabile diventa chiedersi se c'è ancora un progetto al tempo del disincanto e quali siano i soggetti che nell'epoca attuale possono dare forza materiale al costituzionalismo.

Appunti di negoziazione per avvocato

Appunti di negoziazione per avvocato

Autore: Iacopo Maria Savi

Numero di pagine: 94

In un momento culturale e professionale colpito profondamente dalla crisi economica il Libero Professionista ha la possibilità di recuperare un ruolo più incisivo nella soluzione dei problemi che gli vengono sottoposti dagli assistiti. Le tempistiche ed i bizantinismi del sistema processuale impediscono una pronta tutela dei diritti in contesa e la soluzione imposta dalla legge difficilmente soddisfa le parti, e talvolta gli stessi avvocati, coinvolti del giudizio. Gli Avvocati possono affiancare alle loro tradizionali competenze nuove “abilità” che permettano loro di dare una risposta rapida, efficace e totalmente soddisfacente per i clienti. Il Volume è il frutto dell’esperienza maturata sul campo dall’autore come mediatore e negoziatore nello svolgimento della propria attività professionale. Tale esperienza è confluita in questi “appunti” che forniscono la base teorica e gli strumenti pratici ai professionisti affinché questi possano negoziare efficacemente fin dal termine della lettura.

La società della mercificazione e della sorveglianza: dalla persona ai dati

La società della mercificazione e della sorveglianza: dalla persona ai dati

Autore: Roberto Caso

Numero di pagine: 368

La finalità di questo testo è di aiutare gli studenti a maturare, attraverso l’apprendimento basato sul metodo casistico-problematico, una propria riflessione critica sull’evoluzione dei diritti (o del diritto) della personalità.In una società in cui la mercificazione e la datificazione si associano alla sorveglianza e quest’ultima diventa pervasiva si moltiplicano le minacce alla persona nelle sue dimensioni individuale e collettiva. In gioco è la tenuta delle società democratiche. In che misura il diritto civile (il diritto dei privati) può contribuire a contrastare o ad assecondare queste minacce? Alcune risposte parziali dovrebbero emergere nella parte quarta del libro.

I giuristi e il fascino del regime (1918-1925)

I giuristi e il fascino del regime (1918-1925)

Autore: Italo Birocchi , Luca Loschiavo

Numero di pagine: 436

Il volume – che si apre con una lunga introduzione dedicata al giurista come intellettuale e al suo rapporto con il potere in particolare negli anni che videro l’affermazione del fascismo – raccoglie una serie di saggi incentrati ciascuno su un diverso giurista attivo negli anni ’10 e ’20 del Novencento (E. Betti, P. Bonfante, P. de Francisci, G. Del Vecchio, E. Ferri, A.C. Jemolo, L. Lucchini, V.E. Orlando, Al. e Ar. Rocco, S. Romano, A. Solmi). L’intento comune è quello di ricostruire il differente percorso intellettuale che condusse tanti autorevoli studiosi delle diverse discipline giuridiche (provenienti da varie e distanti posizioni ideali e politiche) ad aderire al movimento dei ‘fasci’ nel momento in cui questo muoveva i primi passi e si avviava a conquistare il potere in Italia. Il volume si chiude con un’analisi della comparabile esperienza dei giuristi spagnoli di fronte al franchismo. Autori dei vari contributi sono: I. Birocchi, M. Brutti, G. Chiodi, F. Colao, C. Fantappiè, L. Garlati, C. Lanza, M. Lucchesi, V. Marotta, S. Martín, M.N. Miletti, A. Musumeci, F. Petrillo, D. Quaglioni.

Il combattente. Come si diventa Pertini

Il combattente. Come si diventa Pertini

Autore: Giancarlo De Cataldo

Numero di pagine: 224

Esistono uomini talmente smisurati, complessi e contraddittori che sembra impossibile raccontarli. Per esempio, come si racconta la vita di uno come Sandro Pertini, che ha attraversato da protagonista tutte le stagioni del Novecento italiano? Da dove si parte: dal giovane soldato in azione tra le trincee della Prima guerra che, pur contrario al conflitto, combatte furiosamente e conduce i suoi soldati in imprese al limite della follia? Dal militante socialista, picchiato e bandito dal fascismo, che al fianco di Turati fugge dall'Italia su un motoscafo nel mare in tempesta? Oppure dal partigiano che, dopo quattordici anni fra carcere e confino, diventa intransigente giustiziere di camicie nere? O magari dall'ultima fase, dall'immagine benevola del vecchietto con la pipa? Rispondere a queste domande è la sfida del Giancarlo De Cataldo protagonista di questo libro. Sfida doppia, perché da un lato è chiamato a sceneggiare un film sul "Presidente di tutti gli italiani", dall'altro cerca di spiegare a suo figlio tredicenne la grandezza di quell'uomo, e il contrasto, doloroso, tra passato e presente. Ma per lui il combattente Pertini è qualcosa di più: è un'affinità elettiva, è...

La vocazione civile del giurista

La vocazione civile del giurista

Autore: Vincenzo Roppo , Guido Alpa

Numero di pagine: 392

Qual è oggi il ruolo del giurista, di fronte alle sfide che le contraddizioni del mondo globale pongono al diritto e alla cultura dei diritti? Si tratta di un compito difficile ma affascinante, se solo si esce da una concezione formalistica della scienza giuridica e se ne coglie appieno la funzione di risposta istituzionale a istanze e bisogni diffusi nella società. Come restituire alla persona la sua dignità, alla collettività il controllo dei beni comuni, alla società informatizzata l'accesso a internet, allo Stato i suoi doveri di garanzia delle libertà e di erogazione dei servizi sociali fondamentali, all'Europa la propria identità costituzionale?I saggi del volume, firmati da prestigiosi giuristi italiani e stranieri, delineano le nuove frontiere del diritto sulle quali si è battuto Stefano Rodotà, insigne giurista impegnato nella difesa dei diritti civili e dei valori fondamentali della democrazia, nel corso della sua attività scientifica e pubblicistica, nella sua attività parlamentare e nell'ambito dei suoi molteplici incarichi istituzionali.

Patrioti si diventa. Luoghi e linguaggi di pedagogia patriottica nell'Italia unita

Patrioti si diventa. Luoghi e linguaggi di pedagogia patriottica nell'Italia unita

Autore: AA. VV.

Numero di pagine: 242

1301.11

Introduzione alla filosofia

Introduzione alla filosofia

Autore: Giovanni Gentile

Numero di pagine: 209

Nata dalla raccolta di diverse note scritte a partire dagli anni '20, la "Introduzione alla filosofia" non è né una sintesi della storia della disciplina, né un'esposizione delle posizioni dell'autore; semmai una inedita combinazione di entrambe. Partendo infatti dai princìpi cardine del pensiero filosofico e dai suoi maggiori esponenti nel corso della storia, Giovanni Gentile dialoga idealmente con loro giungendo a esporre alla fine i punti salienti della sua visione rispetto ai grandi temi della natura, la storia, l'arte, la religione, e a definire una volta di più le fondamenta della filosofia attualista.

Novelle

Novelle

Autore: Ippolito Nievo

Numero di pagine: 200

Varie, extravaganti, occasionali, queste novelle - scritte tra il 1854 e il 1860 - si distribuiscono lungo la breve stagione creativa di Nievo intrecciandosi con i testi maggiori, nutrendosi degli stessi motivi. Esse rappresentano dunque un tassello di un'opera leggibile per rapporti e analogie oltre e più che per linee evolutive; ma rivelano anche, nella molteplicità tematica e formale, il percorso di uno scrittore alla ricerca di sé, aperto a sperimentazioni diverse. Il volume, introdotto dal Giornale di Pellestrina, diario di una vacanza trascorsa da Ippolito studente fra mare e laguna, ha al suo centro Le maghe di Grado. In uno scenario simile al precedente, con Venezia sullo sfondo, l'autore narra l'apparizione in paese di cinque giovani donne, il miracolo che trasforma in paradiso un luogo ostile, l'addio melanconico all'idillio estivo: un esperimento giocato su tonalità ironiche e serie, rievocative e riflessive, di felice riuscita. La vigilia delle nozze che chiude il volume appartiene, insieme alla Voce della coscienza, alla tipologia della novella femminile. Nievo ne interpreta in modo personale, e ambivalente, la vocazione didattica e, per celebrare la simbiosi...

La filosofia dei giuristi italiani

La filosofia dei giuristi italiani

Autore: Luigi Caiani

Numero di pagine: 206

Apparso nel 1955, La filosofia dei giuristi italiani consolidò definitivamente il posto di Luigi Caiani nella cultura giuridica italiana di metà Novecento. Pur ancora relativamente giovane, con questo libro Caiani si poneva infatti come un interlocutore critico, e scevro da ogni timore reverenziale, dei più autorevoli esponenti della cultura giuridica italiana del tempo, da Tullio Ascarelli a Francesco Carnelutti, da Emilio Betti a Piero Calamandrei, da Salvatore Satta a Giuseppe Capograssi. Di questi giuristi, che avevano profondamente innovato gli studi giuridici italiani anche grazie alla loro apertura a saperi metagiuridici (come l’economia, la sociologia, e, soprattutto, la filosofia), Caiani indagava e discuteva per l’appunto i presupposti filosofici, la “loro” filosofia: una filosofia che emergeva non tanto dalla partecipazione di quei giuristi a riflessioni e dibattiti di taglio astrattamente speculativo – ché questo era, allora, il modo precipuo di intendere la filosofia – ma dal modo in cui trattavano problemi specificamente giuridici. Una filosofia dei giuristi, dunque, che Caiani ricostruisce in maniera magistrale, e senza risparmiare di segnalarne gli...

Elogio della vita a rovescio

Elogio della vita a rovescio

Autore: Karl Kraus

Numero di pagine: 100

Gli scritti compresi in questa raccolta apparvero sulla «Fackel», rivista che Karl Kraus aveva fondato nel 1899. Tra essi spicca il celebre Elogio della vita a rovescio in cui Kraus ci presenta non solo le miserie e gli orrori della società viennese vista attraverso le lenti deformanti del capovolgimento ironico, ma anche un'impietosa e precoce autocritica del ruolo che egli stesso si era ritagliato nella Vienna del primo Novecento: «solitario guardiano» (E. Canetti) di una soglia che si affaccia su un paesaggio di rovine. Karl Kraus intese “metter tra virgolette”, nella sua instancabile opera di glossatore, questo tempo e questo destino. La pubblicità, il giornalismo, la guerra, Ìa decadenza dell'Impero, sono i temi sui quali Kraus interviene impietosamente nelle satire qui raccolte.

Giuristi del lavoro

Giuristi del lavoro

Autore: Umberto Romagnoli

Numero di pagine: 204

Umberto Romagnoli ricostruisce in questo volume l’itinerario del diritto del lavoro nella storia dell’Italia post-unitaria, ripercorrendone le culture più significative, dall’età liberale al ventennio fascista alla Repubblica: da Ludovico Barassi a Francesco Carnelutti a Luigi Mengoni. Ne scaturisce un quadro fatto di transizioni interminate e precoci disincanti. Chiusa entro le cornici di un esasperato privatismo dapprima, e di una visione statalista-totalitaria dopo, la disciplina stenterà a farsi carico della dirompente progettualità di cui è espressione il diritto del lavoro nel Novecento. È sorprendente come un impianto di grande forza riformatrice, quale quello della nostra costituzione, abbia dovuto conoscere, proprio nel campo della tutela e dei diritti dei lavoratori, una lunga fase di contrasti, prima di potersi affermare. Per garantirsi la sopravvivenza, la Repubblica, «fondata sul lavoro», ha dovuto accettare che, per un periodo non trascurabile, la costituzione fosse accantonata in attesa che maturassero le condizioni favorevoli al dispiegamento dei due capisaldi innovativi di importanza strategica: l’organizzazione sindacale è libera e lo sciopero è ...

Il *compendio di tutta la legge civile, canonica, feudale e municipale nelle cose più ricevute in pratica

Il *compendio di tutta la legge civile, canonica, feudale e municipale nelle cose più ricevute in pratica

Autore: Giovanni Battista De_Luca

Numero di pagine: 736
Gubbio nel Trecento

Gubbio nel Trecento

Autore: Alberto Luongo

Numero di pagine: 761

Tradizionalmente diviso a metà fra gli ultimi sussulti comunali e le premesse signorili del Rinascimento, con al centro una crisi demografica di portata epocale dovuta alla Peste Nera, il Trecento italiano è stato raramente oggetto di monografie che abbiano provato a considerarlo nel suo insieme. Il finora poco conosciuto caso di Gubbio, con la sua ricca documentazione, si presta bene ad un tentativo del genere, che tenga conto di prospettive storiografiche aggiornate. La città umbra fu infatti il teatro di molti fenomeni caratteristici del periodo: il massimo sviluppo del comune di Popolo, i tentativi di governo personale, la soggezione diretta allo Stato pontificio, fino alla “mutazione signorile” con la dedizione della città al conte Antonio da Montefeltro, che inaugurò il dominio secolare della sua stirpe.

ANNO 2016 IL DNA DEGLI ITALIANI PRIMA PARTE

ANNO 2016 IL DNA DEGLI ITALIANI PRIMA PARTE

Autore: ANTONIO GIANGRANDE

E’ comodo definirsi scrittori da parte di chi non ha arte né parte. I letterati, che non siano poeti, cioè scrittori stringati, si dividono in narratori e saggisti. E’ facile scrivere “C’era una volta….” e parlare di cazzate con nomi di fantasia. In questo modo il successo è assicurato e non hai rompiballe che si sentono diffamati e che ti querelano e che, spesso, sono gli stessi che ti condannano. Meno facile è essere saggisti e scrivere “C’è adesso….” e parlare di cose reali con nomi e cognomi. Impossibile poi è essere saggisti e scrivere delle malefatte dei magistrati e del Potere in generale, che per logica ti perseguitano per farti cessare di scrivere. Devastante è farlo senza essere di sinistra. Quando si parla di veri scrittori ci si ricordi di Dante Alighieri e della fine che fece il primo saggista mondiale. Le vittime, vere o presunte, di soprusi, parlano solo di loro, inascoltati, pretendendo aiuto. Io da vittima non racconto di me e delle mie traversie. Ascoltato e seguito, parlo degli altri, vittime o carnefici, che l’aiuto cercato non lo concederanno mai. “Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia,...

Introduzione allo studio del simbolismo

Introduzione allo studio del simbolismo

Autore: AA. VV.

Questa pubblicazione intende introdurre i temi trattati all’interno del Progetto ESILo (Elementi simbolici di Lombardia - Simbolismo, storia del territorio e identità culturale) e offre un’antologia dei testi citati durante lo svolgimento dei seminari. Il volume è dunque fruibile non soltanto da chi ha partecipato alle lezioni (comunque disponibili online), ma da chiunque voglia approfondire lo studio delle forme simboliche in relazione al territorio e alla cultura lombarda. Si tratta in questo caso di un’opera eterodossa rispetto alle normali pratiche accademiche, poiché si prefigge di intercettare le sollecitazioni tipiche delle nuove sintassi veicolate dal web e dalle tecnologie informatiche, configurandosi come compiuta solo in relazione ai seminari svolti e a complemento di essi.

Nuovi Argomenti (45)

Nuovi Argomenti (45)

Autore: AA.VV.,

Numero di pagine: 352

Hanno collaborato: Furio Colombo, Chiara Valerio, Pierpaolo Leschiutta, Francesco Paolo De Ceglia, Arnaldo Greco, Elisa Davoglio, Lorenzo Pavolini, Alessandro Beretta, Paolo Di Paolo, Gabriella Sica, Antonio Riccardi, Giuseppe Munforte, Giorgio Vasta, Ginevra Bompiani, Franco Buffoni, Luca Canali, Carlo Carabba, Alberto Casadei, Roberto Deidier, Paolo Di Paolo, Nadia Fusini, Paolo Giordano, Raffaele Manica, Walter Pedullà, Flavio Santi, Bianca Tarozzi, Chiara Valerio, Andrea Gibellini, Daniele Bettella, Mario Fresa, Francesco Giusti, Péter Zilahy, Noemi De Lisi, Giuseppe Zucco, Nora Bossong, Raffaele Manica, Raffaella D'Elia, Filippo Belacchi, Alberto Casadei, Emiliano Sbaraglia, Giancarlo Liviano D'Arcangelo, Andrea Bottalico.

Il doppio medioevo

Il doppio medioevo

Autore: Manlio Bellomo

Numero di pagine: 189

Al modo di una premessa (p. 7) I. Variazioni su tema dominante 1. Alla ricerca dei padri dell’unità giuridica dell’Europa moderna (p. 11-20) 2. Potere dei gruppi e gruppi al potere dal medioevo agli inizi dell’età moderna (p. 21-29) 3. Istituzioni medievali fra campagna e città (p. 31-43) 4. Dalla campagna alla città: i nuovi luoghi della scienza e del potere (p. 45-56) 5. Considerazioni sulla pervasività della religione nella società e negli ambienti di studio universitari nei tempi del rinnovamento (p. 57-66) II. I pilastri della creatività 1. Ius commune (Storia del) (p. 69-82) 2. Ius commune e ius proprium. Riflessioni su tendenze e aspetti della storiografia giuridica europea sul medioevo (p. 83-93) 3. Condividendo, rispondendo, aggiungendo. Riflessioni intorno al ius commune (p. 95-102) 4. Elogio dei dogmata . Memorie per una storia della storiografia giuridica (p. 103-140) 5. Il lavoro nel pensiero dei giuristi medievali (p. 141-156) 6. Al di là dell’obbligazione contrattuale in Juan de Solórzano y Pereira (p. 157-165) 7. Perché lo storico del diritto europeo deve occuparsi dei giuristi indiani? (p. 167-177) Indici (p. 179-186) Manoscritti Storiografia...

La tenaglia magistrati-economisti sui cittadini

La tenaglia magistrati-economisti sui cittadini

Autore: Francesco Felis

Numero di pagine: 690

Devono le leggi economiche dominare i rapporti sociali? Nell’ambito di questo dilemma, nella ricerca di un equilibrio, si muove il presente lavoro. Due sono i pilastri su cui esso si fonda: argomenti e temi giuridici da un lato, che, però, hanno anche un impatto economico, e, dall’altro, la pretesa di egemonia del dato economico su ogni altro valore. Pretesa molte volte ammantata di scientificità, che travolge i rapporti reciproci, influenza il caos delle stesse pronunce giudiziali e il caos normativo, rendendo incerto il destino delle persone. “Per aver paura dei magistrati non bisogna essere necessariamente colpevoli (ma anche con gli economisti non si scherza)” ironizza l’autore, e in questo importante saggio, per contenuti e dimensioni, con garbo e autorevolezza ci spiega chiaramente il perché. Francesco Felis è nato ad Albenga (SV) nel 1957. Vive a Genova dal 1967, dove si è laureato in Giurisprudenza con 110 e lode nel 1982. È notaio dal 1988. Autore di molteplici pubblicazioni, giuridiche e non, è intervenuto a diversi convegni giuridici e politici.

Ultimi ebook e autori ricercati