Scarica Libri Gratuiti

Scarica libri ed ebooks (I migliori libri in formato PDF, EPUB, etc)

Cerca negli ebook:

Numero totale di libri trovati 40 per la tua ricerca. Scarica gli ebook e divertiti!
Americana. Storie e culture degli Stati Uniti dalla A alla Z

Americana. Storie e culture degli Stati Uniti dalla A alla Z

Autore: Mario Maffi Cinzia Schiavini , Cinzia Scarpino , Sostene Massimo Zangari ,

Numero di pagine: 768

Ci sono motel, grattacieli, diner, drive-in, fast food, ponti, parchi, battelli a vapore. Ci sono metropoli, ghetti, piccole città e città fantasma. Ci sono treni, taxi gialli e aquile solitarie. Ci sono orsi, orsetti, trote e alligatori. Ci sono toffolette, apple pie, hamburger e hot dog, ziti e zeppole. Ci sono cowboy, telepredicatori, wobblies e flappers, quaccheri e mormoni. Ci sono Peanuts, Simpson, Barbie, nerd, supereroi e ufo. Ci sono i re Elvis e Michael, Charlie Parker, Dolly Parton e Billie Holiday. Ci sono Hollywood e Broadway, Dallas e E.R., Walker Evans e Edward Hopper, Dean Moriarty, Huck Finn, Gatsby, Achab e Rossella. E poi femministe tenaci, capi tribù, intellettuali radical, esploratori coraggiosi, scienziati visionari... Ma anche ammutinamenti di schiavi, massacri di indiani, battaglie coloniali, guerre sanguinose, lotte operaie, movimenti di protesta, scandali politici, armi, stragi, catastrofi ambientali. L’avete riconosciuta? È l’America che avete sognato nei film, letto nei romanzi, ascoltato nel rock e nel blues, amato di un amore totale oppure odiato senza riserve: l’avete vista, fotografata, perduta, ritrovata. È l’America delle grandi...

Rinascimento privato

Rinascimento privato

Autore: Maria Bellonci ,

Numero di pagine: 504

Meditato per vent'anni, Rinascimento privato è il libro più bello, e più intenso, di Maria Bellonci, fondatrice tra l'altro del prestigioso premio Strega. In queste pagine si racconta la vicenda di Isabella d'Este, divenuta marchesa di Mantova dopo il matrimonio con Francesco Gonzaga.

Le quattro amiche

Le quattro amiche

Autore: Robyn Carr ,

Numero di pagine: 320

Gerri non sa cosa sia più traumatico per lei: accorgersi che il suo matrimonio all'apparenza solido ha in realtà enormi crepe oppure rendersi conto di non riuscire a riparare il danno. È sempre stata un punto di riferimento per famiglia e amiche, ma ora è venuto il momento di occuparsi di se stessa. Vista la sua sfortuna nelle relazioni con l'altro sesso, Andy è convinta che l'amore duraturo sia per lei fuori portata. Quando però si ritrova attratta da un uomo normale, senza quelle qualità che di solito la colpiscono, mette in discussione tutto quello che pensava di desiderare dalla vita. La continua ricerca del giusto equilibrio subisce per Sonja una battuta d'arresto quando il marito la lascia su due piedi, stanco del suo mondo fatto di incensi e filosofie new age. Non sembra esserci nessun tonico a base di erbe o rituale di purificazione che la aiuti a ripristinare il suo equilibrio mentale. Ma a Mill Valley è arrivata BJ, una nuova vicina di casa. La donna nasconde oscuri segreti, ma riesce comunque a far breccia nella ristretta cerchia di amiche e improvvisamente tutto cambia: prospettive, scelte, futuro. Grazie all'amicizia che le unisce, le quattro donne riusciranno ...

Donne italoscozzesi. Tradizione e cambiamento nel progetto migratorio della famiglia italiana in Scozia

Donne italoscozzesi. Tradizione e cambiamento nel progetto migratorio della famiglia italiana in Scozia

Autore: Sandra Chistolini ,

Numero di pagine: 350

2000.1325

GIUSTIZIOPOLI SECONDA PARTE

GIUSTIZIOPOLI SECONDA PARTE

Autore: Antonio Giangrande ,

Numero di pagine: 576

E’ comodo definirsi scrittori da parte di chi non ha arte né parte. I letterati, che non siano poeti, cioè scrittori stringati, si dividono in narratori e saggisti. E’ facile scrivere “C’era una volta….” e parlare di cazzate con nomi di fantasia. In questo modo il successo è assicurato e non hai rompiballe che si sentono diffamati e che ti querelano e che, spesso, sono gli stessi che ti condannano. Meno facile è essere saggisti e scrivere “C’è adesso….” e parlare di cose reali con nomi e cognomi. Impossibile poi è essere saggisti e scrivere delle malefatte dei magistrati e del Potere in generale, che per logica ti perseguitano per farti cessare di scrivere. Devastante è farlo senza essere di sinistra. Quando si parla di veri scrittori ci si ricordi di Dante Alighieri e della fine che fece il primo saggista mondiale. Le vittime, vere o presunte, di soprusi, parlano solo di loro, inascoltati, pretendendo aiuto. Io da vittima non racconto di me e delle mie traversie. Ascoltato e seguito, parlo degli altri, vittime o carnefici, che l’aiuto cercato non lo concederanno mai. “Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia,...

MANETTOPOLI

MANETTOPOLI

E’ comodo definirsi scrittori da parte di chi non ha arte né parte. I letterati, che non siano poeti, cioè scrittori stringati, si dividono in narratori e saggisti. E’ facile scrivere “C’era una volta….” e parlare di cazzate con nomi di fantasia. In questo modo il successo è assicurato e non hai rompiballe che si sentono diffamati e che ti querelano e che, spesso, sono gli stessi che ti condannano. Meno facile è essere saggisti e scrivere “C’è adesso….” e parlare di cose reali con nomi e cognomi. Impossibile poi è essere saggisti e scrivere delle malefatte dei magistrati e del Potere in generale, che per logica ti perseguitano per farti cessare di scrivere. Devastante è farlo senza essere di sinistra. Quando si parla di veri scrittori ci si ricordi di Dante Alighieri e della fine che fece il primo saggista mondiale. Le vittime, vere o presunte, di soprusi, parlano solo di loro, inascoltati, pretendendo aiuto. Io da vittima non racconto di me e delle mie traversie. Ascoltato e seguito, parlo degli altri, vittime o carnefici, che l’aiuto cercato non lo concederanno mai. “Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia,...

Ecce Homo

Ecce Homo

Autore: Francesco Pergola ,

Numero di pagine: 180

Tre coppie di amici cercano la Verità. Al tramonto della loro vita la trovano per strade diverse, tra molte emozioni e difficoltà: "Io sono la via e la verità e la vita", "Io sono la Luce del mondo" - Ecce Homo -

Il Vento non soffia più. Gli zingari ai margini di una grande città.

Il Vento non soffia più. Gli zingari ai margini di una grande città.

Autore: Anna rita Calabrò ,

Numero di pagine: 140

Protagonisti di fatti più o meno gravi di cronaca nera, ma anche vittime di pregiudizi e di veri e propri episodi di razzismo, gli zingari rappesentano oggi una presenza scomoda, ma ormai stabile, nelle periferie delle più grandi città italiane. Una presenza che non può essere né eliminata, né ignorata ma che occorre comprendere e considerare con tutti i problemi che essa comporta. Ma chi sono realmente gli zingari? Come vivono? Cosa pensano? E soprattutto perché sono e rimangono così estranei a noi? In questo libro sono gli stessi Rom, adulti, bambini, vecchi, a prendere in prima persona la parola per raccontare, in maniera spesso cruda e disincantata, la loro vita di tutti i giorni, la memoria del loro passato, i propri sentimenti e progetti. Ledizioni ripropone questo testo, già edito da Marsilio nel 1992.

Proust per bagnanti

Proust per bagnanti

Autore: Emanuele Pettener ,

Numero di pagine: 160

Novembre 2001, tre storie d’italiani negli Stati Uniti, ciascuno con un segreto in tasca, s’intrecciano in South Florida. L’incredibile storia di Rosa, il suo viaggio prima in Calabria e poi a Venezia, alla ricerca di un passato da ricostruire. Alfredo Crepuscolo, studente d’arte, che arriva in America all’alba del 2000 “colmo d’euforia da pioniere, come fosse il primo italiano dopo Colombo ad esplorare il Nuovo Continente”. E poi il narratore stesso con la sua fosca vicenda familiare, a metà degli anni ’90, e il suo “American Dream” sullo sfondo maestoso del Canal Grande. Tre storie in una, fitte di emozioni e colpi di scena, di sorprese, per i personaggi e per il lettore, nella luce ilare e colorata del sud tropicale americano, davanti a un oceano brillante, “imperturbabile come un gentleman inglese”.

Figli miei

Figli miei

Autore: Alessandra Nateri Sangiovanni ,

Numero di pagine: 180

Questo libro nasce dalla necessità interiore da parte dell'autrice di lasciare ai propri figli, anche per iscritto, un'eredità morale e spirituale che ella estende anche a "tutti i figli di questo mondo", perché... "siamo tutti figli". E per far ciò, per esprimere quelle parole e quei concetti per cui il normale linguaggio usato nel comune interloquire non è mai sufficiente, l'unico linguaggio adeguato è quello dell'anima e le parole diventano poesia.

LEGOPOLI

LEGOPOLI

Autore: Antonio Giangrande ,

E’ comodo definirsi scrittori da parte di chi non ha arte né parte. I letterati, che non siano poeti, cioè scrittori stringati, si dividono in narratori e saggisti. E’ facile scrivere “C’era una volta….” e parlare di cazzate con nomi di fantasia. In questo modo il successo è assicurato e non hai rompiballe che si sentono diffamati e che ti querelano e che, spesso, sono gli stessi che ti condannano. Meno facile è essere saggisti e scrivere “C’è adesso….” e parlare di cose reali con nomi e cognomi. Impossibile poi è essere saggisti e scrivere delle malefatte dei magistrati e del Potere in generale, che per logica ti perseguitano per farti cessare di scrivere. Devastante è farlo senza essere di sinistra. Quando si parla di veri scrittori ci si ricordi di Dante Alighieri e della fine che fece il primo saggista mondiale. Le vittime, vere o presunte, di soprusi, parlano solo di loro, inascoltati, pretendendo aiuto. Io da vittima non racconto di me e delle mie traversie. Ascoltato e seguito, parlo degli altri, vittime o carnefici, che l’aiuto cercato non lo concederanno mai. “Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia,...

Il tramonto delle aquile

Il tramonto delle aquile

Autore: Chiara Curione ,

Numero di pagine: 280

Manfredi di Svevia, ultimo sovrano svevo del regno di Sicilia, racconta in prima persona le complesse e drammatiche vicende di cui fu protagonista, fino alla battaglia di Benevento, in cui perse la vita nel 1266, sconfitto da Carlo d’Angiò. Romanzo scorrevole, di buona scrittura, è adatto anche ad un pubblico giovane, ed ha il merito di avvicinare il lettore alla storia di un periodo complesso e travagliato, in cui il papato lotta per essere protagonista di primo piano, ed usa tutti gli strumenti, compreso quello della scomunica e il sostegno al partito guelfo, per tentare di avere ragione dei suoi avversari del partito ghibellino, di cui Manfredi è il capo riconosciuto. La documentazione attenta e accurata permette inoltre al lettore di immergersi nella vita quotidiana dell’epoca, ricostruita vividamente attraverso un’ambientazione convincente e di comprendere la mentalità medievale, le credenze, le abitudini, di un’epoca in cui affondano le radici del mondo moderno.

MALAGIUSTIZIOPOLI PRIMA PARTE

MALAGIUSTIZIOPOLI PRIMA PARTE

Autore: Antonio Giangrande ,

Numero di pagine: 572

E’ comodo definirsi scrittori da parte di chi non ha arte né parte. I letterati, che non siano poeti, cioè scrittori stringati, si dividono in narratori e saggisti. E’ facile scrivere “C’era una volta….” e parlare di cazzate con nomi di fantasia. In questo modo il successo è assicurato e non hai rompiballe che si sentono diffamati e che ti querelano e che, spesso, sono gli stessi che ti condannano. Meno facile è essere saggisti e scrivere “C’è adesso….” e parlare di cose reali con nomi e cognomi. Impossibile poi è essere saggisti e scrivere delle malefatte dei magistrati e del Potere in generale, che per logica ti perseguitano per farti cessare di scrivere. Devastante è farlo senza essere di sinistra. Quando si parla di veri scrittori ci si ricordi di Dante Alighieri e della fine che fece il primo saggista mondiale. Le vittime, vere o presunte, di soprusi, parlano solo di loro, inascoltati, pretendendo aiuto. Io da vittima non racconto di me e delle mie traversie. Ascoltato e seguito, parlo degli altri, vittime o carnefici, che l’aiuto cercato non lo concederanno mai. “Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia,...

Eroi dell'Olimpo - 1. L'eroe perduto

Eroi dell'Olimpo - 1. L'eroe perduto

Autore: Rick Riordan ,

Numero di pagine: 504

Jason si risveglia in uno scuolabus, accanto al suo migliore amico e a una bellissima ragazza. Ed è terrorizzato. C'è infatti un piccolo problema: non ricorda assolutamente nulla di sé. E quando una torma di spiriti della tempesta cerca di ucciderlo, qualcosa gli suggerisce che dovrà al più presto venire a capo del mistero. Piper non si spiega perché il suo ragazzo non si ricordi di lei. Da qualche giorno il mondo sembra impazzito: suo padre si è volatilizzato, incubi ricorrenti la tormentano e una ragazza di nome Annabeth dice di essere in cerca di un tale Percy Jackson, scomparso dal Campo Mezzosangue... Leo ha sempre avuto un'attrazione per il fuoco, e quando arriva al Campo si sente stranamente a casa. Sarà quello il motivo per cui tutti gli dicono che una parte di lui discende dagli dei? Nel frattempo Era è stata rapita dai giganti, che minacciano di ucciderla. C'è solo un modo per salvarla, e solo tre semidei discendenti da antiche divinità Romane potranno affrontare l'impresa...

GIUSTIZIOPOLI PRIMA PARTE

GIUSTIZIOPOLI PRIMA PARTE

Autore: Antonio Giangrande ,

Numero di pagine: 548

E’ comodo definirsi scrittori da parte di chi non ha arte né parte. I letterati, che non siano poeti, cioè scrittori stringati, si dividono in narratori e saggisti. E’ facile scrivere “C’era una volta….” e parlare di cazzate con nomi di fantasia. In questo modo il successo è assicurato e non hai rompiballe che si sentono diffamati e che ti querelano e che, spesso, sono gli stessi che ti condannano. Meno facile è essere saggisti e scrivere “C’è adesso….” e parlare di cose reali con nomi e cognomi. Impossibile poi è essere saggisti e scrivere delle malefatte dei magistrati e del Potere in generale, che per logica ti perseguitano per farti cessare di scrivere. Devastante è farlo senza essere di sinistra. Quando si parla di veri scrittori ci si ricordi di Dante Alighieri e della fine che fece il primo saggista mondiale. Le vittime, vere o presunte, di soprusi, parlano solo di loro, inascoltati, pretendendo aiuto. Io da vittima non racconto di me e delle mie traversie. Ascoltato e seguito, parlo degli altri, vittime o carnefici, che l’aiuto cercato non lo concederanno mai. “Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia,...

Commento in tutti i libri del vecchio e nuovo testamento, dalla hebraica verita e fonte greco per esso trad. in lingua toscana

Commento in tutti i libri del vecchio e nuovo testamento, dalla hebraica verita e fonte greco per esso trad. in lingua toscana

Autore: Antonio Brucioli ,

Numero di pagine: 604
Solomon Gursky è stato qui

Solomon Gursky è stato qui

Autore: Mordecai Richler ,

Numero di pagine: 596

A chi lo incensava come l’inimitabile cantore del microcosmo ebraico di St Urbain Street, Mordecai Richler rispose da par suo, e cioè facendo saltare il tavolo con questo romanzo, il suo penultimo. Qui il racconto abbraccia infatti due secoli, due sponde dell’Atlantico e cinque generazioni di una dinastia ebraica in cui tutto è smisurato: vitalità, ricchezza, lusso, inclinazione al piacere in ogni sua forma. Ma nessuna grande famiglia è senza macchia, e la macchia dei Gursky si chiama Solomon, rampollo in disgrazia che pare essere stato presente, come Zelig più o meno negli stessi anni, in tutti i momenti cruciali del ventesimo secolo – la Lunga Marcia, l’ultima telefonata di Marilyn, le deposizioni del Watergate, il raid di Entebbe. Solomon rimarrebbe tuttavia un mistero, se della sua fenomenale parabola non decidesse di occuparsi il più improbabile dei biografi, Moses Berger, ex ragazzo prodigio rovinato dal rancore, dall’alcol, ma soprattutto dalle sue stesse maniacali indagini intorno a un unico soggetto: i Gursky. I lettori di Barney avranno certamente riconosciuto gli ingredienti base di ogni Richler da collezione: a sorprenderli, stavolta, sarà la loro...

La scatola vuota che nel bisogno si riempiva

La scatola vuota che nel bisogno si riempiva

Autore: Patrizia Pinna ,

Numero di pagine: 26

Dedico questo libro a coloro che hanno il cuore vuoto e non riescono ad aiutare coloro che si trovano in difficoltà. Tutti abbiamo una scatola vuota, quando siamo convinti che non dobbiamo avere sentimenti per nessuno e allora nella scatola non possiamo metterci valori umani per poter amare il nostro Signore nel nostro prossimo, se con i nostri sacrifici ci aiuteremo gli uni gli altri avremo un mondo di pace, di serenità e di fratellanza universale invece il più delle volte preferiamo rimanere indifferenti ed egoisti davanti alle miserie di questo mondo e vogliamo vivere da Principi e da nababbi se possibile senza vedere niente e nessuno, nel più egoismo totale, ma ricordatevi gli ultimi saranno i primi.

Repertorio bibliografico della letteratura americana in Italia

Repertorio bibliografico della letteratura americana in Italia

Autore: Centro italiano di studi americani, Rome ,

Numero di pagine: 275

Ultimi ebook e autori ricercati