Scarica Libri Gratuiti

Scarica libri ed ebooks (I migliori libri in formato PDF, EPUB, etc)

Cerca negli ebook:

Numero totale di libri trovati 40 per la tua ricerca. Scarica gli ebook e divertiti!
Messerschmitt Bf 109

Messerschmitt Bf 109

Autore: Mantelli - Brown - Kittel - Graf

Numero di pagine: 132

Caccia puro per eccellenza, condivise con il Focke Wulf 190 la prima linea della Luftwaffe per tutto il secondo conflitto mondiale. Continuamente aggiornato e potenziato, rappresentò un elemento insostituibile nell’arsenale della Luftwaffe, rimanendo in linea dalla Battaglia d’Inghilterra fino all’ultimo giorno di guerra. Il Messerschmitt Bf 109 è il più noto caccia tedesco della seconda guerra mondiale. Prestò servizio tra il 1937 e il 1945 e si confrontò con una incredibile serie di avversari sempre più agguerriti, che furono fronteggiati con continue modifiche e migliorie oltrepassando di larga misura i limiti del progetto originale; alla fine arrivò a raddoppiare il peso e triplicare la potenza originali, il cui inevitabile scotto fu un’autonomia decisamente ridotta rispetto le prime serie. Era un aereo estremamente versatile: le sue ultime versioni includevano addirittura un caccia da alta quota con cabina pressurizzata. Venne prodotto dopo la guerra in Cecoslovacchia e in Spagna, e complessivamente ne vennero costruiti circa 35.000 esemplari: una delle maggiori produzioni di tutti i tempi. Nei libri e nelle riviste viene a volte chiamato anche Me 109, dalla...

I migliori Caccia della Seconda Guerra Mondiale - La Trilogia - Parte I

I migliori Caccia della Seconda Guerra Mondiale - La Trilogia - Parte I

Autore: Mantelli - Brown - Kittel - Graf

Numero di pagine: 256

Nuova edizione aggiornata. Sua Maestà lo Spitfire. Quest'aereo è una leggenda dell'aria, un vero brand, e la sua immagine è indissolubilmente legata alla vittoria britannica nella Battaglia d'Inghilterra. È uno dei pochissimi, forse l’unico, il cui nome suscita qualche immagine anche a un profano di cose d’aviazione storica. Ottima macchina difensiva, pesantemente armata, molto agile, velocissima in salita. Ammirato e invidiato anche dai nemici, il velivolo seppe guadagnarsi il rispetto e la stima su ogni fronte, le storie avventurose dei suoi piloti affascinavano anche i contendenti contribuendo ad arricchire il prestigio della RAF che venne considerata l'Arma Aerea per eccellenza. Caccia puro per eccellenza, condivise con il Focke Wulf 190 la prima linea della Luftwaffe per tutto il secondo conflitto mondiale. Continuamente aggiornato e potenziato, rappresentò un elemento insostituibile nell’arsenale della Luftwaffe, rimanendo in linea dalla Battaglia d’Inghilterra fino all’ultimo giorno di guerra. Il Messerschmitt Bf 109 è uno dei più noti caccia tedeschi della seconda guerra mondiale e uno degli aerei da combattimento costruito nel maggior numero di esemplari...

Aviazione della seconda guerra mondiale. Evoluzione, armi, caratteristiche

Aviazione della seconda guerra mondiale. Evoluzione, armi, caratteristiche

Autore: Robert Jackson

Numero di pagine: 319
Bombe su Palermo

Bombe su Palermo

Autore: Alessandro Bellomo

Numero di pagine: 270

Il libro descrive con efficacia e rigore storico la cronaca degli attacchi aerei subiti dalla città di Palermo dal 1940 al 1943, dai primi attacchi aerei francesi nel 1940, ai sempre più massicci bombardamenti della RAF e all’intervento dell’aviazione americana, sino ad arrivare ai terribili raid della primavera del 1943, e alle operazioni tedesche e italiane nel luglio-agosto 1943. Sono analizzate le tattiche usate dai contendenti, la difesa aerea italiana e tedesca, le strategie offensive dei bombardieri Alleati, i protagonisti militari, e, nel corso della narrazione, è dato minuzioso resoconto delle distruzioni causate al tessuto cittadino di Palermo e delle sofferenze inferte alla sua popolazione. Bombe su Palermo è un’opera realizzata grazie alle ricerche effettuate negli archivi storici cittadini, nel Department of the Air Force Air Force Historical Research Agency (AFRHA) e nel National Archives of Australia (NAA). Le informazioni raccolte sono integrate da numerose fotografie, la maggior parte delle quali inedite e di proprietà degli autori.

1943 Il martirio di un'isola

1943 Il martirio di un'isola

Autore: Alessandro Bellomo

Numero di pagine: 210

I bombardamenti Alleati del 1943 sulla Sicilia raccontati attraverso i diari di guerra delle aviazioni coinvolte: le tattiche aeree alleate, le contromisure dell’Asse, le rotte d’attacco, i primi raid americani del gennaio 1943, le bombe su Palermo, la battaglia degli aeroconvogli di aprile, la resa di Pantelleria, lo sbarco in Sicilia di luglio, le nuove tattiche d’assalto, ecc.

Le grandi battaglie aeree

Le grandi battaglie aeree

Autore: Andrea Lopreiato

Numero di pagine: 432

Le imprese, le vittorie e le sconfitte più incredibili mai avvenute in cielo Il volo ha sempre affascinato l’essere umano e la possibilità di potersi librare nel cielo ha ali¬mentato la fantasia di poeti, scrittori, mercanti, inventori e scienziati dall’alba della civiltà. Quando il 17 dicembre 1903 i fratelli Wright riuscirono a mantenere in volo per 12 secondi l’aeromobile da loro progettato, molti aspetti della vita dell’uomo vennero rivoluzionati per sempre. Il sogno dei condottieri di ogni tempo di materializzarsi con i propri eserciti sull’avversario si stava improvvisamente realizzando: stavano nascendo le operazioni militari nella terza dimensione. Lo sviluppo del mezzo aereo fu così rapido che solo pochi anni dopo il volo del flyer esistevano già aerei da ricognizione e da bombardamento. In poco più di cento anni le operazioni aeree si sono dimostrate determinanti per il successo sul campo, portando in maniera improvvisa sull’obiettivo un devastante potere distruttivo e concretizzando in una sola azione tutti gli elementi dell’arte militare convenzionale: sorpresa, fuoco, massa e manovra. La storia di come le operazioni militari nella terza dimensione ...

Le armi che hanno cambiato la storia

Le armi che hanno cambiato la storia

Autore: Marco Lucchetti

Numero di pagine: 336

Le origini e l’evoluzione dei più letali strumenti mai creati dall'uomo Il corso della storia è stato contraddistinto da guerre e battaglie, e la realizzazione di armi sempre più efficaci è andata di pari passo con il progresso tecnologico dell’umanità. Dalla lancia alla bomba atomica, dalla freccia al drone, questo libro ripercorre la storia delle armi che hanno cambiato il volto della guerra, e spesso contribuito allo sviluppo delle nuove scoperte in ambito civile. Nel volume sono raccolte armi bianche e da fuoco, artiglierie, bombe, razzi, mine e siluri, armi chimiche, biologiche, psicologiche, di terra, di mare e di cielo, descritte nei particolari e accompagnate da aneddoti ed eventi storici in cui sono state impiegate per la prima volta o sono risultate decisive. Non manca l’analisi di alcune armi che dovevano cambiare le sorti di una guerra, e invece hanno inesorabilmente fallito, nonché la descrizione di altre invenzioni non strettamente belliche – come la jeep, la radio e il filo spinato – che però hanno contribuito più degli armamenti alla vittoria sui campi di battaglia. Un giorno costruiranno bombe talmente intelligenti che non scoppieranno più......

AERONAUTICA NAZIONALE REPUBBLICANA A.N.R. 1943-1945

AERONAUTICA NAZIONALE REPUBBLICANA A.N.R. 1943-1945

Autore: Eduardo Manuel Gil Martínez

Numero di pagine: 185

In questo libro l’autore descrive al meglio l’organizzazione e la storia dell’Aeronautica Militare Italiana che dopo l’armistizio nel 1943 rimase sotto il comando di Benito Mussolini e alleato della Germania: l’Aeronautica Nazionale Repubblicana (ANR). Lo studio parte dal suo fondatore il tenente colonnello Ernesto Botto, con il ritorno di oltre 1.000 aerei italiani sequestrati dalla Luftwaffe dopo l’armistizio cui si aggiunsero poi molti aerei tedeschi come i Bf109. Gruppi di caccia, gruppi di bombardieri, trasporti, ecc. Capitoli tutti descritti in ordine cronologico per quanto riguarda la loro storia e operazioni dalla fine del 1943 ad aprile 1945. Diverse mappe a colori , molte foto di assi italiani e dei loro aerei. Otto stupendi profili molto dettagliati compongono il libro.

Hawker Hurricane - Supermarine Spitfire

Hawker Hurricane - Supermarine Spitfire

Autore: Mantelli - Brown - Kittel - Graf

Numero di pagine: 160

L'Hawker Hurricane ("Uragano" in lingua inglese) è stato il primo caccia britannico moderno prima dello scoppio della seconda guerra mondiale. Fino al 1941 l'Hurricane fu l'aereo da combattimento più largamente usato dalla Royal Air Force e quello che sostenne l'urto dei primi scontri con i velivoli della Luftwaffe nei cieli della Francia e della Gran Bretagna. Quasi 3.000 aerei di questo tipo vennero consegnati all’Urss, per la legge Affitti & Prestiti, ma i piloti sovietici furono in genere molto critici con il caccia della Hawker, ritenuto inferiore, non solo ai caccia tedeschi, ma anche ai propri. Primo caccia monoplano della RAF, primo aereo dotato di otto mitragliatrici, era il mezzo aereo disponibile in maggior numero per contrastare le ondate di attacco della Luftwaffe durante la Battaglia d’Inghilterra. Disponibile in ventisei reparti all’inizio dell’estate del 1940, ad agosto se ne contavano trentadue contro le diciannove di Spitfire. Pilotato da assi come Douglas Bader che lo resero una leggenda, l’Hawker Hurricane Mk I, sebbene inferiore al Bf 109-E, dimostrò di essere comunque un cavallo di razza, e soprattutto in alta quota riusciva a essere più...

I migliori Caccia della Seconda Guerra Mondiale - La Trilogia - Parte 2

I migliori Caccia della Seconda Guerra Mondiale - La Trilogia - Parte 2

Autore: Mantelli - Brown - Kittel - Graf

Numero di pagine: 256

Nuova edizione aggiornata. Si trattò di una sgradevole sorpresa. I piloti degli Spitfire della RAF avevano respinto la Luftwaffe durante la Battaglia d’Inghilterra e ora, nell’estate del 1941, dovevano affrontarla per difendere l’Europa. Non avevano però previsto la comparsa dei Focke-Wulf Fw 190, i nuovi caccia tedeschi, con motore radiale, che riuscivano a contrastare facilmente gli inadeguati Spitfire V. Quando finalmente la RAF riuscì a catturarne un esemplare nel 1942, ci si accorse che le brutte notizie dovevano ancora arrivare. Il 190, infatti, si rivelò più veloce di qualsiasi caccia britannico o statunitense e, con un armamento poderoso, l’agile velivolo tedesco poteva distruggerli con facilità. Per il Giappone lo Zero fu, in realtà, assai più di un aeroplano, ma il simbolo stesso della potenza aerea dell’Impero; er gli Alleati fu assai più di un implacabile avversario, ma un incubo e al tempo stesso un mito. A lungo gli furono attribuite delle virtù in gran parte immaginarie, poiché le sue uniche e incontestabili doti erano un’eccezionale manovrabilità e un altrettanto eccezionale autonomia. Il Mitsubishi A6M è uno di quegli aerei che non...

Il disastro di Tobruk

Il disastro di Tobruk

Autore: Francesco Mattesini

Numero di pagine: 128

L’operazione Agreement fu lanciata dagli Alleati nella Seconda Guerra Mondiale nella notte tra il 13 ed il 14 settembre 1942 per colpire le basi aeronavali ed i depositi dell’Asse in nord Africa. Essa s’inquadrava in una più complessa serie di altre operazioni, battezzata “Big Party”, intesa a provocare scompiglio, panico, disservizi e distruzioni delle organizzazioni logistiche dell’Asse, mediante azioni in profondità di guastatori, destinati ad agire contro aeroporti, centri logistici e le linee di comunicazioni terrestri della Cirenaica, fra Tobruk e Bengasi. Di tutte queste missioni la più importante fu L’operazione “Daffodil” che comportava un attacco dal mare su Tobruk, coordinato con l’azione di una colonna mobile terrestre proveniente dal deserto su camionette. L’impresa fu un vero fallimento e si risolse in una cocente sconfitta degli inglesi e dei loro alleati.

Piloti Dimenticati

Piloti Dimenticati

Autore: Robert Robison

Numero di pagine: 304

Pochi hanno sentito parlare della “guerra del Chaco Boreal”, della “guerra del Khalkhin Gol” o della “guerra del Calcio”, e ancora meno sanno cosa è successo in queste cosiddette “guerre dimenticate”. “Piloti Dimenticati” descrive questi conflitti (e non solo) e in modo speciale i loro combattenti, in particolare i piloti, cercando di far luce su queste figure che a queste guerre hanno partecipato e combattuto. In alcuni casi questi aviatori sono diventati “Assi”, ma per la maggior parte il loro nome è rimasto nascosto, sconosciuto ai più. Partendo dall’età pionieristica del volo, con i primi velivoli in “legno e tela” fino ad arrivare ai giorni nostri con i moderni aviogetti capaci di superare la barriera del suono, questo libro vuole rendere omaggio a quei piloti che su queste “macchine” hanno combattuto, quei piloti meno conosciuti ma non per questo meno meritevoli.

l'Arte del Francobollo n. 31 - Dicembre 2013

l'Arte del Francobollo n. 31 - Dicembre 2013

Autore: UNIFICATO

Numero di pagine: 80

Il numero di dicembre 2013 della rivista di filatelia e numismatica dell'UNIFICATO.

Le armi che hanno cambiato la seconda guerra mondiale

Le armi che hanno cambiato la seconda guerra mondiale

Autore: Marco Lucchetti

Numero di pagine: 644

Le origini e l’evoluzione dei letali strumenti che hanno cambiato la storia Quali sono le armi che hanno determinato le sorti del secondo conflitto mondiale? Il corso della storia umana è stato contraddistinto da guerre e battaglie, per combattere le quali l’uomo ha dato fondo a tutta l’inventiva e alle scoperte tecnologiche di cui disponeva allo scopo di realizzare armi sempre più micidiali. Ma durante la Seconda guerra mondiale ne vennero sviluppate alcune con capacità di devastazione mai vista prima, innovative e spietatamente letali. Carri armati, mezzi per ogni tipo di terreno e condizioni climatiche, cannoni pesanti, anticarro e contraerei, corazzate tascabili, sommergibili, motosiluranti, aerei e armi individuali. Chi combatteva non impiegò solo fucili, pistole e mitragliatrici, ma anche mitragliatori, bazooka, granate e razzi anticarro. Usò veicoli a ruote, semicingolati e aeroplani, dai quali ci si poteva lanciare con il paracadute. Gli eserciti entrarono in guerra con i biplani e terminarono il conflitto con i primi aerei a reazione. Uno sviluppo tecnologico ininterrotto, che porterà alla creazione e all’utilizzo dell’arma più distruttiva di sempre, la...

Dal Messerschmitt Bf 110 al Messerschmitt Me 262

Dal Messerschmitt Bf 110 al Messerschmitt Me 262

Autore: Mantelli - Brown - Kittel - Graf

Numero di pagine: 154

Il Messerschmitt Bf 110, indicato successivamente anche come Messerschmitt Me 110, fu il primo Zerstörer ("distruttore"), caccia bimotore multiruolo ad ala bassa prodotto dall'azienda tedesca Messerschmitt AG. Fu utilizzato principalmente dalla Luftwaffe, durante la seconda guerra mondiale. Nonostante alcune difficoltà operative, il Bf 110 Zerstörer rimase per tutto il conflitto il caccia pesante tedesco standard e uno dei progetti maggiormente cari al Reichsmarschall Hermann Göring. Il Messerschmitt Me 210 era un caccia pesante bimotore ad ala bassa derivato dal precedente Bf 110, benché introducesse alcune interessanti migliorie tecnologiche, ebbe una lunga e travagliata fase di sviluppo che non riuscì a risolvere gli iniziali problemi se non dopo una sostanziale riprogettazione. Il Messerschmitt Me 410 Hornisse era uno Zerstörer, uno specifico tipo di caccia pesante, bimotore ad ala bassa prodotto dall'azienda tedesca Messerschmitt nei primi anni quaranta. Era uno sviluppo ulteriore del Me 210, a sua volta nato come successore del Bf 110. Dotato di due motori Daimler-Benz DB 603 da 1.750 hp, venne impiegato in diversi ruoli e su diversi fronti dalla Luftwaffe, nel corso...

La Marina italiana nella seconda guerra mondiale

La Marina italiana nella seconda guerra mondiale

Autore: James J. Sadkovich

Numero di pagine: 576

“Nonostante gli svantaggi, gli italiani bloccarono per trentanove lunghi mesi il grosso delle truppe britanniche” La Marina italiana nella Seconda guerra mondiale è il corposo risultato di un’approfondita indagine storiografica e di una ricerca che ha portato l’Autore a confrontarsi con una straordinaria mole di materiale documentario – pressoché tutto quanto è stato scritto sull’argomento negli ultimi sessant’anni – riguardante le operazioni navali e aeronavali condotte dalla Regia Marina nei trentanove mesi che, dal 1940 al 1943, la videro impegnata in una logorante attività bellica nei teatri di guerra del Mar Mediterraneo durante il secondo conflitto mondiale. In un’opera controcorrente rispetto alla lettura “ufficiale” degli eventi che è stata ispirata dalla predominante storiografia di scuola angloamericana, James J. Sadkovich compie un’analisi che si propone di emendare dagli stereotipi l’operato della forza navale italiana e di offrire una valutazione, sulla base del dato effettuale, del suo apporto bellico, per lo più sminuito dalla propaganda britannica. La Regia Marina non vinse la guerra, ma – è la conclusione di Sadkovich –,...

I segreti di Villa Durante

I segreti di Villa Durante

Autore: Caroline Montague

Numero di pagine: 512

Perfetto per i lettori di Dinah Jefferies e Lucinda Riley Un’appassionante storia familiare tra gli orrori della guerra e la campagna toscana Londra, 1937. Alessandra Durante sta cercando di superare il dolore per la perdita dell’adorato marito inglese, quando riceve una notizia inaspettata: è diventata l’erede della villa tra le colline toscane posseduta dai suoi avi italiani. Decisa a voltare pagina, Alessandra parte insieme a sua figlia Diana, con la speranza di ricominciare una nuova vita in mezzo alla natura. Ma gli effetti dell’imminente conflitto mondiale si fanno sentire anche in mezzo alle vigne e ai cipressi: infatti la villa diventa un ricovero per tutti coloro in cerca di un rifugio. E l’arrivo di Davide, un giovane che nasconde un segreto importante, è destinato a cambiare per sempre la vita di Diana, che sarà chiamata alla scelta più difficile di tutte: quella tra la testa e il cuore. Intanto, a Londra, il secondo figlio di Alessandra, Robert, si arruola come pilota della RAF. È determinato a fare la sua parte per liberare l’Italia dalla morsa del fascismo. Il suo coraggio lo porterà ad accettare una missione pericolosissima, che lo vedrà...

Il gouernatore politico e christiano di Mezentio Carbonario diuiso in sei libri ..

Il gouernatore politico e christiano di Mezentio Carbonario diuiso in sei libri ..

Autore: Mezenzio Carbonario

Numero di pagine: 472
Lavochkin - Yakovlev

Lavochkin - Yakovlev

Autore: Mantelli - Brown - Kittel - Graf

Numero di pagine: 126

L'esigenza di disporre di caccia monomotore di nuova generazione spinse le autorità sovietiche a emettere una specifica da sottoporre ai propri uffici di progettazione aeronautica (OKB) relative a monoposto capaci di velocità dell'ordine dei 600 km/h e propulsi da motori in linea dell'ordine dei 1.000 CV. Nacque così la serie dei caccia Lavochkin, rappresentata da ben 5 modelli: • Lavochlin LaGG-1 • Lavochkin LaGG-3 • Lavochkin La5 • Lavochkin La7 • Lavochkin La9 Gli Yakovlev furono dei caccia, dei caccia-bombardieri e dei bombardieri progettati dall'OKB 115 diretto da Aleksandr Sergeevič Jakovlev e sviluppati in Unione Sovietica negli anni quaranta. Impiegati principalmente dalla Sovetskie Voenno-vozdušnye sily (VVS), l'Aeronautica militare dell'Unione Sovietica, durante la Seconda Guerra Mondiale, si distinsero per la robustezza, la facilità di manutenzione e le ottime prestazioni nei combattimenti aerei. • Yakovlev Yak-1 - caccia/cacciabombardiere. • Yakovlev Yak-3 - caccia multiruolo. • Yakovlev Yak-7 - aereo da addestramento, poi convertito in caccia. • Yakovlev Yak-9 - caccia. • Yakovlev Yak-2 - bombardiere/ricognitore leggero a corto raggio. •...

Caccia Zero

Caccia Zero

Autore: Mantelli - Brown - Kittel - Graf

Numero di pagine: 120

Dall’attacco a Pearl Harbor all’ultima disperata difesa di fronte ai massicci bombardamenti alleati e agli attacchi suicidi contro le squadre navali avversarie, il Mitsubishi A6M Reisen (battezzato "Rei-sen", ossia caccia zero con riferimento all’anno 2600 del calendario giapponese,il 1940 d.C) prese parte a quasi tutte le principali azioni dell’aviazione navale nipponica. La sua favolosa manovrabilità e la sua eccezionale autonomia furono leggendarie, e fecero dello Zero il simbolo della potenza aerea del Sol Levante, tanto da renderlo famoso quanto lo Spitfire o il Bf. 109. Lo Zero si conquistò la fama con una serie di brillanti vittorie contro tutti i velivoli alleati nei primi mesi della guerra nel Pacifico, e poiché la marina giapponese trovò difficoltà a mettere in servizio un altro caccia moderno capace di competere con i nuovi aerei alleati che comparvero nel Pacifico verso la fine del 1942, il Mitsubishi A6M dovette sostenere in gran parte il peso delle operazioni fino al termine del conflitto. Per il Giappone lo Zero fu, in realtà, assai più di un aeroplano, ma il simbolo stesso della potenza aerea dell’Impero; er gli Alleati fu assai più di un...

Roccagloriosa I

Roccagloriosa I

Autore: Maurizio Gualtieri , Helena Fracchia

Numero di pagine: 378

L'esplorazione sistematica del sito di Roccagloriosa intrapresa nel 1976 si poneva corne obbiettivo fondamentale lo studio della cinta fortificata e la effettuazione di saggi di scavo che permettessero di determinare la cronologia e la consistenza dei nuclei abitativi sia all'esterno che all'interno del muro di fortificazione. I dati ceramici e l'evidenza strutturale ben presto confermarono l'esistenza di un esteso agglomerato, in parte fortificato ed organizzato in vari nuclei abitativi, inquadrabile nel corso del IV secolo a.C. Inoltre, la scoperta di un'area di necropoli “monumentale” in località La Scala, di cui la fascia superiore è stata esplorata “a tappeto” nella campagna del 1978, documentandone la pianta e la varietà dei tipi di sepolture, rimuoveva ogni dubbio circa l'appartenenza dell'insediamento ad una comunità lucana. A tale ricerca fu pure affiancata l'esplorazione sistematica del territorio circostante mediante ricognizione di superficie con lo scopo preciso di ricostruire il “paesaggio agrario” dell'area circostante il sito agglomerato. Dopo uno studio topografico delle aree abitative poste immediatamente a ridosso della cresta dei Capitenali,...

Dunkirk

Dunkirk

Autore: Joshua Levine

Numero di pagine: 402

Da questo libro, l'omonimo film vincitore di tre premi Oscar 2018. La speranza è un'arma. Sopravvivere è già una vittoria. Maggio 1940. La travolgente avanzata delle truppe tedesche in Belgio e nel nord della Francia costringe le armate anglo-francesi a ripiegare progressivamente verso le coste della Manica, intrappolando oltre 300.000 soldati nel campo trincerato di Dunkerque. L'unica speranza di salvarli è organizzare una massiccia evacuazione via mare utilizzando tutte le imbarcazioni disponibili, dalle enormi unità militari ai pescherecci alle piccole navi da diporto. Autorizzata da Winston Churchill e organizzata in tempi record dall'Ammiragliato britannico, l'Operazione Dynamo si svolse tra il 27 maggio e il 4 giugno, concludendosi con un successo inaspettato che fu salutato come "il miracolo di Dunkerque". Attraverso i racconti e le testimonianze dei veterani e dei sopravvissuti, Joshua Levine ricostruisce con straordinaria efficacia la storia dei soldati che rimasero per giorni sulla spiaggia, sotto i bombardamenti e il fuoco nemico, senza cibo né munizioni; dei civili che li portarono in salvo su imbarcazioni spesso piccolissime e sovraccariche; degli avieri che...

La partecipazione tedesca alla guerra aeronavale nel Mediterraneo (1940-1945)

La partecipazione tedesca alla guerra aeronavale nel Mediterraneo (1940-1945)

Autore: Alberto Santoni , Francesco Mattesini

Numero di pagine: 639
Focke-Wulf Fw 190

Focke-Wulf Fw 190

Autore: Mantelli - Brown - Kittel - Graf

Numero di pagine: 114

Nuova edizione aggiornata. Si trattò di una sgradevole sorpresa. I piloti degli Spitfire della RAF avevano respinto la Luftwaffe durante la Battaglia d’Inghilterra e ora, nell’estate del 1941, dovevano affrontarla per difendere l’Europa. Non avevano però previsto la comparsa dei Focke-Wulf Fw 190, i nuovi caccia tedeschi, con motore radiale, che riuscivano a contrastare facilmente gli inadeguati Spitfire V. Quando finalmente la RAF riuscì a catturarne un esemplare nel 1942, ci si accorse che le brutte notizie dovevano ancora arrivare. Il 190, infatti, si rivelò più veloce di qualsiasi caccia britannico o statunitense e, con un armamento poderoso, l’agile velivolo tedesco poteva distruggerli con facilità. Prodotto, in oltre 20.000 esemplari, veloce, agile, bene armato, facile da costruire e da tenere in efficienza, sicuro nei pilotaggio e nell’impiego, estremamente versatile, amato dai suoi piloti e temutissimo dagli avversari: questo fu il Focke-Wulf 190. L’aereo fu uno dei frutti della genialità di un famoso progettista aeronautico, Kurt Tank, che riuscì a compendiare nel modo più felice tutta la «summa» delle conoscenze aerodinamiche e strutturali del...

Tito

Tito

Autore: Lana Sokolaj

Numero di pagine: 29

La vita di una delle figure più centrali e controverse del Novecento. Josip Broz, detto Tito, è stato per decenni a capo della Jugoslavia. Partendo dalla resistenza partigiana durante la Seconda Guerra Mondiale, passando per l’unione della penisola balcanica, fino alla Guerra Fredda, Tito è stato protagonista di molti tra i più importanti eventi della storia recente. Questa biografia, però, attraverserà anche e soprattutto gli aspetti oscuri della vita del dittatore — i crimini di guerra, il pugno di ferro, il regime di terrore. Indagando fino in fondo, esplorando anche i minimi dettagli, questo audiolibro offrirà una facile immersione in uno degli angoli di storia tra i più discussi e affascinanti. Lana Sokolaj è una scrittrice italiana. Nata in Albania, dopo la laurea in mediazione linguistica comincia ad appassionarsi alla scrittura. Autrice di narrativa e romanzi, Sokolaj ha anche scritto diverse biografie di alcune delle figure storiche più importanti.

Il gouernatore politico, e christiano di Mezentio Carbonario da Terni protonot. apost.co. Nel quale si discorre del modo, che deue tener ciascun che gouerna, tanto in stato pacifico, quanto inquieto. Co'l sommario nella seguente facciata di tutto ciò che si tratta, ..

Il gouernatore politico, e christiano di Mezentio Carbonario da Terni protonot. apost.co. Nel quale si discorre del modo, che deue tener ciascun che gouerna, tanto in stato pacifico, quanto inquieto. Co'l sommario nella seguente facciata di tutto ciò che si tratta, ..

Autore: Mezenzio Carbonario

Numero di pagine: 472
I grandi condottieri della seconda guerra mondiale

I grandi condottieri della seconda guerra mondiale

Autore: Fabio Riggi

Numero di pagine: 1548

Da Rommel a Patton, da Montgomery a MacArthur, da Guderian a Žukov, le imprese, le vittorie e le sconfitte degli uomini che hanno scritto la storia I principali capi militari delle potenze protagoniste della seconda guerra mondiale: ecco chi sono i protagonisti di questo libro. Le loro decisioni, così come le loro incertezze, il loro genio o i loro errori più clamorosi hanno fatalmente segnato le sorti del conflitto dalle cui ceneri è emerso il mondo come lo conosciamo ancora oggi. Per ognuno è stato tracciato un profilo che ricostruisce sia gli aspetti biografici che quelli professionali. E che spiega dal punto di vista tecnico i “segreti” dell’arte militare alla base di molte delle imprese leggendarie di questi comandanti: il lavoro di pianificazione da cui scaturì il “miracolo di Bastogne” di Patton, la preparazione e la competenza di Eisenhower nel guidare grandi e complesse armate “multinazionali” e “interforze” in Europa, il carisma e la determinazione di MacArthur nel guidare complesse operazioni terrestri, anfibie e aeronavali nel Pacifico, o il “comando dal fronte” di Rommel in Francia e Africa settentrionale. Un racconto inedito, documentato...

Miti e contromiti.

Miti e contromiti.

Autore: Vladimir Medinskij

Numero di pagine: 336

Un’opera che intende sfatare i miti, costruiti sia in Occidente che nella Russia postsovietica, sul conflitto più cruento della Storia. In ambito accademico, mediatico ed editoriale si tende sempre più a mettere sullo stesso piano la Germania di Hitler e la Russia di Stalin, il nazismo e il comunismo. L’autore si oppone al mainstream storiografico e ripercorre le tappe più importanti della guerra, dalla decisiva battaglia di Stalingrado alla vittoriosa marcia verso Berlino. Medinskij evidenzia il ruolo decisivo di Mosca nella sconfitta del nazismo, costato ben 27 milioni di morti, oltre la metà dei caduti su tutti i fronti della Seconda guerra mondiale. Ma, soprattutto, rivendica l’ineluttabilità del Patto Molotov-Ribbentrop, diretta conseguenza del tradimento di Francia e Gran Bretagna, che rifiutarono di creare con l’Urss una coalizione antifascista e sottoscrissero invece nel 1938 gli accordi di Monaco con Hitler e Mussolini.

de Havilland Mosquito

de Havilland Mosquito

Autore: Mantelli - Brown - Kittel - Graf

Numero di pagine: 90

Il de Havilland DH.98 Mosquito è stato un aereo militare britannico di grande versatilità durante la seconda guerra mondiale. Era soprannominato affettuosamente "Mossie" dai suoi equipaggi e aveva anche come altri nomignoli: "The Wooden Wonder" (la Meraviglia di legno) o "The Timber Terror" (il Terrore di legno), poiché la cellula era realizzata in legno laminato. Venne impiegato dalla Royal Air Force (RAF) e da molte altre forze aeree nel conflitto mondiale, sia nel teatro europeo che in quelli del Pacifico e del Mediterraneo, oltre che nel periodo postbellico. Inizialmente concepito come bombardiere veloce disarmato, il Mosquito fu adattato a molti altri ruoli durante la guerra, tra cui: bombardiere tattico diurno a bassa e media quota, bombardiere notturno da alta quota, indicatore di bersagli (Pathfinder), caccia diurno o notturno, cacciabombardiere, aereo d'attacco e ricognitore fotografico. Fu anche utilizzato dalla British Overseas Airways Corporation (BOAC) come aereo da trasporto. Fu la base per un caccia pesante dal nome de Havilland Hornet. Nel corso del 1941, un autorevole esponente del mondo scientifico anglosassone ebbe pubblicamente a dichiarare che l'impiego del ...

I tunnel dell'aquila – Uomini e storie del Deposito Munizioni di Vizzini

I tunnel dell'aquila – Uomini e storie del Deposito Munizioni di Vizzini

Autore: Domenico Anfora

Numero di pagine: 170

La storia dell'Aeronautica Militare a Vizzini, dal 1935, anno di inizio dei lavori del Deposito Munizioni in Contrada Salonia, alla sua chiusura settantanove anni dopo. Si narrano gli episodi salienti: visite prestigiose, come quella del Capo del governo nell'inaugurazione del 1937; l'attività di rifornimento agli aeroporti della Sicilia orientale durante la seconda guerra mondiale; la caduta in mano alle truppe britanniche; il saccheggio; la ripresa dell'attività durante il Regno del Sud; l'esplosione di una galleria; la ricostruzione del dopoguerra. Si narrano anche le storie dei suoi uomini più prestigiosi, tra cui molti decorati al valor militare. Infine, si racconta anche il terribile incidente aereo del 1941, quando un S.74 Millepiedi cadde a poca distanza dal Deposito, in territorio di Licodia Eubea.

La battaglia di Creta – Maggio 1941

La battaglia di Creta – Maggio 1941

Autore: Francesco Mattesini

Numero di pagine: 184

Verso la metà del mese di aprile del 1941, mentre era in pieno svolgimento l’offensiva tedesca nei Balcani contro la Jugoslavia e la Grecia, campagne che l’efficientissima macchina bellica germanica concluse rapidamente nello spazio di due settimane, il generale Kurt Student, comandante dell’11º Corpo Aereo (XI Fliegerkorps) dislocato nella Germania centrale, esaminò la possibilità di occupare l’isola di Creta, che rappresentava l’ultimo baluardo britannico nella zona dell’Egeo. L’impresa doveva svolgersi mediante uno sbarco in forze di truppe aviotrasportate, per poi impiegarle, a operazione conclusa, per conquistare il Canale di Suez. In questo libro verrà analizzato anche il contributo offerto dalle forze armate italiane all’operazione, partendo dalle loro basi operative in Grecia e nelle isole del Dodecanneso.

L'Enigma del Führer

L'Enigma del Führer

Autore: Stefano Mancini

Londra. È notte ed Ethan Cooper, giornalista del Guardian, è alla guida. All’improvviso, sbucato dal nulla, un uomo si lancia sotto la sua macchina. L’asfalto, zuppo di pioggia, rende inutile la frenata: l’impatto è inevitabile, gli effetti devastanti. Resosi conto della gravità dell’incidente, Ethan chiama i soccorsi e raggiunge l’uomo in fin di vita. Questi, con le ultime forze, gli consegna due oggetti e pronuncia alcune frasi incomprensibili. Sentendosi responsabile per quanto accaduto, Ethan comincia allora un’indagine che lo porta prima a una cassetta di sicurezza a Francoforte, poi in una cittadina al confine con la Polonia dove conosce Kirsten, brillante fisico, e nipote di un chimico al servizio del Terzo Reich, sequestrato e giustiziato per motivi mai del tutto chiariti. Trascinati in un vortice di enigmi da risolvere, codici cifrati e inquietanti messaggi dal passato, Ethan e Kirsten dovranno far luce sul più sconvolgente progetto mai sviluppato dalla Germania nazista. In palio non solo la loro vita, ma anche il futuro dell’intera umanità. Un thriller fantascientifico da cardiopalma, una lettura entusiasmante, uno scenario inedito.

P-47 Thunderbolt - P-51 Mustang

P-47 Thunderbolt - P-51 Mustang

Autore: Mantelli - Brown - kittel - Graf

Numero di pagine: 128

Il Republic P-47 Thunderbolt, soprannominato "Jug" era un cacciabombardiere statunitense dotato di un motore estremamente potente, da 2.000 HP o più, ed era veloce, specialmente ad alta quota. Inoltre era pesantemente armato con 8 mitragliatrici da 12,7 mm e la sua robustezza gli permetteva di rientrare alla base anche se molto danneggiato.A partire dai primi mesi del 1943 fu impiegato intensamente su tutti i fronti, contribuendo in maniera rilevante a consolidare la supremazia alleata negli ultimi due anni di guerra. Fu costruito in complessivi 15.678 esemplari (con un costo l’uno di 83.000 dollari dell’epoca) conquistando con i colori dell’USAAF il notevole totale di 3.752 vittorie contro la perdita in combattimento di 824 macchine e, dopo il conflitto, servì nelle aviazioni di una quindicina di Paesi, Italia inclusa. Il North American P-51 Mustang viene considerato tra i migliori caccia della seconda guerra mondiale. Prodotto a partire dal 1941, fu uno dei più versatili caccia americani della seconda guerra mondiale; fu schierato sia sul fronte del Pacifico sia su quello Europeo per contrapporsi agli aerei della Luftwaffe. Fu impiegato prevalentemente come caccia di...

Potevamo vincere! Se solo l’avessimo voluto

Potevamo vincere! Se solo l’avessimo voluto

Autore: Gianfranco Giulivi

Numero di pagine: 598

Questo libro di Storia è stato realizzato in occasione dell’80° anniversario della partecipazione dell’Italia al secondo conflitto mondiale, avvenuta in data 10 giugno 1940. Pur nella scarsa preparazione del Regio Esercito e nell’impiego di materiali in parte obsoleti o di tecnologia carente, sia da parte dell’Esercito, sia in parte della Regia Aeronautica, la scelta politica del momento di intervento e la sostanziale impreparazione e povertà di risorse messe in campo contro di noi dall’unico avversario che in quel momento doveva confrontarsi con noi e con la nostra alleata Germania, permette di dire che noi POTEVAMO VINCERE, se la guerra dichiarata a giugno fosse stata effettivamente combattuta per mare, per terra e per cielo, con le risorse (che non erano affatto poche) che complessivamente avevamo, ma che non utilizzammo negli unici due fronti di scontro con l’unico nemico che fronteggiavamo: la Gran Bretagna, con il suo impero coloniale. Questo confronto, oltre che nel mare Mediterraneo, poteva avvenire solo alla frontiera libico-egiziana e nell’Impero dell’Africa Orientale Italiana, che era accerchiato da possedimenti britannici. Una serie di errori...

Ultimi ebook e autori ricercati