Scarica Libri Gratuiti

Scarica libri ed ebooks (I migliori libri in formato PDF, EPUB, etc)

Cerca negli ebook:

Numero totale di libri trovati 40 per la tua ricerca. Scarica gli ebook e divertiti!
Il mito di Narciso nella letteratura francese dell'epoca barocca (1580-1630)

Il mito di Narciso nella letteratura francese dell'epoca barocca (1580-1630)

Autore: Laura Rescia ,

Numero di pagine: 192
Il Medioevo degli antichi. I romanzi francesi della «Triade classica»

Il Medioevo degli antichi. I romanzi francesi della «Triade classica»

Autore: A. D'Agostino ,

Numero di pagine: 220
Artifex additus artifici. Creazione poetica e riflessione critica tra simbolismo ed estetismo

Artifex additus artifici. Creazione poetica e riflessione critica tra simbolismo ed estetismo

Autore: Matteo Veronesi ,

Numero di pagine: 220

Thesis (M.A.) from the year 1998 in the subject Literature - Comparative Literature, grade: 110/110, language: Italian, abstract: La critique amusante et poétique, il poetical criticism o se proprio si vuole, secondo la spregiativa ed inadeguata definizione crociana, la critica estetizzante, ben lungi dal poter essere ridotte a forme di elusiva e dilettantesca evasione, o magari ad una sorta di materiale di scarto dell'officina poetica, sono parte integrante ed essenziale del contesto culturale in cui la modernità letteraria, istituita dall'atto duplice e unitario che scandisce la critica e la poesia, si fa sistema; tali forme di critica sono speculari a forme di poesia della poesia, di poesia per cui quella che sarà la derobertisiana collaborazione della critica, già compiutamente prefigurata in queste esperienze, diviene un elemento consustanziale, vitale, irrinunciabile, quasi un'algebrica condizione di esistenza. Siamo di fronte ad un portato, ad una conseguenza diretta e, nel contempo, ad un segnale e ad un sintomo di quella quasi patologica e nevrotica coazione alla teoria o, per usare una felice terminologia adorniana, necessitazione all'estetica, che caratterizza la...

Il fascino inquieto dell'utopia

Il fascino inquieto dell'utopia

Autore: Lidia De Michelis ,

Numero di pagine: 213

Marialuisa Bignami, cui questo volume è dedicato, è una tra le più illustri studiose dell’utopia letteraria in Italia. In dialogo con la sua opera critica, il volume discute origini ed esiti del concetto di utopia nel panorama letterario e sociale occidentale, in particolare anglosassone. La riflessione prende le mosse da un’elaborazione di stampo millenarista del pensiero utopico, per proseguire nell’indagine dei suoi esiti letterari tardorinascimentali, settecenteschi e anche coloniali; si approda infine alle utopie moderne, postmoderne e femministe del nostro tempo, senza tralasciare gli esiti dell’immaginario utopico nella cultura di massa. L’utopia, un po’ come il romanticismo, sembra essere una necessità della cultura occidentale, una categoria dello spirito, che può essere reinterpretata, negata, persino vilipesa, ma non abbandonata. I percorsi attraverso le mutazioni spazio-temporali dell’utopia raccolti in questo volume sono ispirati ad approcci critici diversi e sono trasversali a più ambiti di ricerca; la ricchezza del dibattito invita a proseguire l’indagine sui volti molteplici del genere utopico, anche attraverso l’esplorazione di nuove...

Sin imagen

Metamorfosi dei Lumi 8

Autore: Manuela Albertone ,

Numero di pagine: 290

"L'età della storia", così Foucault, in Les mots et les choses, definisce lo sconvolgimento dell'episteme occidentale avvenuto alla fine del Settecento e nei primi decenni dell'Ottocento che dà l'avvio all'era della modernità. Foucault teorizza il disfacimento del sapere classico e la conseguente mutazione dall'"ordine" alla "storia": all'ordine del sapere classico, ai valori della tradizione, si è sostituita l'idea di progresso, nonché la visione frammentata di una realtà naturale molteplice, le cui variazioni sono legate allo scorrere del tempo. Il valore normativo della tradizione viene, d'altra parte, contestato, negli ultimi decenni del diciottesimo secolo, da vari sommovimenti politici che sconvolgono l'ordine tradizionale delle nazioni europee: la Rivoluzione americana crea un governo razionale fondato sul diritto naturale; la Rivoluzione francese recide traumaticamente i legami con i valori di una monarchia secolare; i suoi drammatici sviluppi, il Terrore, le guerre europee, il crollo dell'impero napoleonico impongono, nel corso degli anni, la consapevolezza concreta dell'incidere storico. Questa irruzione della dimensione storica nel mondo europeo è stata, nel...

Il Cannocchiale aristotelico o sia idea dell'arguta et ingeniosa elocutione, che serue a tutta l'arte oratoria, lapidaria, et simbolica esaminata co' principii del diuino Aristotele

Il Cannocchiale aristotelico o sia idea dell'arguta et ingeniosa elocutione, che serue a tutta l'arte oratoria, lapidaria, et simbolica esaminata co' principii del diuino Aristotele

Autore: Emmanuele Conte de Tesauro ,

Numero di pagine: 740
Poesie

Poesie

Autore: Giambattista Marino ,

Questo volume contiene le poesie d’amore ed il poema L’Adone, scritti da Giambattista Marino (1569-1625). L’autore fu un innovatore della poesia del suo tempo, mettendo in discussione i fondamenti del poema classicistico. Nell’Adone la composizione si svolge per successive stratificazioni, con passaggi arditi e inattesi, talvolta funamboleschi, dall’uno all’altro episodio senza alcun nesso logico, con l’unico appoggio di un grandioso tessuto verbale fitto di metafore. Il poema diviene così una “fabbrica delle meraviglie”, volta a produrre una continua sorpresa nel lettore e la poesia intesa come viaggio nell’imprevedibile.

Ovidio

Ovidio

Autore: Vincenzo Farinella , Federica Toniolo , Giulia Salvo ,

Numero di pagine: 312

A Ovidio spetta un posto speciale fra i grandi poeti della civiltà antica. Le sue metamorfosi, le storie di dèi e di eroi, di efebi e ninfe, restano impresse, con la potenza delle invenzioni senza tempo, nell'identità collettiva "archetipa" che ancora alimenta la nostra immaginazione. Furono i monaci nel medioevo a copiare i suoi versi, anche i più audaci, per salvarli dall'oblio. Ovidio è stato l'interprete, talvolta il creatore, di miti immortali: la doppia natura di ermafrodito, narciso condannato alla vanità, la sfida di Niobe all'Olimpo, Icaro e Fetonte vittime della audacia temeraria. Le sue creature hanno ispirato per duemila anni, a partire dal XIII secolo, pittori, scultori, incisori, ceramisti... Lucido interprete della Roma contemporanea, Ovidio regala ai posteri un trattato giocoso sull'amore profano, l'ars amatoria, i luoghi propizi per gli amanti, i trucchi e gli inganni della seduzione, gli stratagemmi per dare inizio e porre fine all'avventura erotica.

Le scritture dell'ira

Le scritture dell'ira

Autore: Giuseppe Crimi , Cristiano Spila ,

Numero di pagine: 208

Quando si parla di invettiva, la caratteristica principale sembra essere quella dell’attacco, dell’insulto, della violenza verbale. Si dice infatti “pronunciare un’invettiva”, o “lanciare, scagliare un’invettiva”. L’invettiva è definita nel Vocabolario degli Accademici della Crusca (1612), con le parole di Francesco da Buti, come «riprensione, che l’huomo fa crucciosamente. E perciò si chiama invettiva, cioè commozione contro altrui». Essa pone a chi se ne occupa numerose questioni, tra le quali fondamentale è quella che riguarda la sua natura di genere letterario o di registro retorico appartenente allo sfogo o all’offesa contro qualcuno (un avversario, un’istituzione). Questo volume indaga proprio la forma invettiva così come si è presentata in alcuni testi della nostra letteratura, nel suo percorso storico dal Trecento al Novecento. Si è perciò trovata la formula di “scritture dell’ira” (enfatizzando le varie esperienze e i diversi contesti), attraverso cui collocare i testi riconosciuti di una tradizione letteraria italiana. In questa prospettiva, l’invettiva si presenta come una forma codificata di indignazione, di maledizione, di...

Ultimi ebook e autori ricercati